INTERVISTE

Mandorlini: “Abbiamo preso gomitate in faccia, cose che hanno poco a che vedere con il calcio”

Ecco cosa ha detto l'allenatore della compagine veneta

In vista della semifinale di ritorno tra Avellino e Padova, il tecnico della formazione biancoscudata Andrea Mandorlini, nella conferenza stampa pre-match, ha introdotto la sfida che andrà di scena al Partenio-Lombardi, ritornando anche sugli episodi che hanno infiammato la partita di andata.

Il mio sfogo nel post gara? Non vorrei sembrare un maleducato, ma ci sono state tante cose durante la partita che hanno poco a vedere con il calcio, cose gravi e importanti non rilevate. Altre sorprese dopo quelle dell’andata? Contano relativamente, è importante scendere in campo concentrati. Ho detto alla squadra che tre quattro cambi non sono stati all’altezza del momento, a parte Jelenic. Chi è entrato doveva dare di più. Abbiamo preso gomitate in faccia, hai voglia a far prevalere la tecnica. Sono andato ad Avellino anche da giocatore, sono sempre state partite dure. Ne ho passate di tutte su quel campo lì, i campi italiani comprendono anche realtà come questa. Avellino ne fa una forza, ma c’è chi in campo deve tutelare entrambe le squadre. Non credo che loro snatureranno il loro modo di giocare che li ha portati fin qui. Hanno detto che faranno una partita diversa in casa loro, vedremo. In caso di pareggio? Credo che sia difficile preparare i rigori, in allenamento è un conto, in partita con la tensione un altro. È importante però non cadere nelle provocazioni. Questa semifinale è lo scoglio più alto verso la B? Questo è uno scoglio molto duro da superare, ma poi c’è la finale, che sarà eventualmente altrettanto difficile. Campo sintetico? Non saprei rispondere, qualsiasi campo in questo momento passa in secondo piano, lo valuteremo lì. È la prima volta per noi quest’anno sul sintetico. Abbiamo preferito non allenarci comunque sul sintetico della Guizza”.

Su i giocatori a disposizione:Cissè, Santini e Gasbarro non ci sono, ho convocato anche Ejesi e siamo gli stessi di domenica. Nicastro viene con noi e può essere utilizzato dall’inizio. Ha fatto due allenamenti con la squadra ed è disponibile.  Quest’anno abbiamo pagato qualcosa con le punte centrali, Nicastro è un ragazzo importante anche dal punto di vista della capacità di caricare l’ambiente”.

Fonte: PadovaSport

Articoli correlati

Back to top button