SERIE B

E’ il giorno di Avellino-Empoli: asfaltiamoli

Vincere per continuare a sorprendere. Vincere per dare una scossa alla classifica. Vincere per essere al terzo posto. Vincere per far capire a tutti, se ce ne fosse ancora bisogno, che l’Avellino operaia può diventare una bella realtà. Vincere per infiammare l’ambiente e far comprendere a tutti che a dicembre, società in primis, questa squadra se adeguatamente rinforzata, può fare la differenza. Arriva l’Empoli. Una squadra che fa paura se prendi i nomi uno ad uno sulla carta. E’ una corazzata formata da grandi calciatori. Hanno un attacco di serie A. Da brividi se si pensa che Tavano e Maccarone, in serie A, potrebbero fare la differenza. Ma Sarri ha alzato già la mano. Ha avvisato i suoi. Attenzione all’Avellino – ha detto – Se la mettono sull’agonismo siamo spacciati. Ed ha ragione perchè battaglia sarà. Manca Togni, non c’è Massimo. L’Avellino un’arma ha: quella dell’agonismo, quella del coltello tra i denti. Servono 11 “Rambo” per battere l’ex capolista. Serve una partita perfetta. Ma se la metti sulla tecnica non c’è gioco: si prenderanno brutte lezioni. E visto che i toscani sono super tecnici e soffrono l’agonismo, eccolo il campo di battaglia. E’ pronto: il resto lo faranno i tifosi sugli spalti. Annunciano la bolgia, annunciano di essere al fianco della squadra per novanta e passa minuti. Lo ha chiesto Peccarisi in settimana (che è in ballottaggio con Bittante al centro della difesa), lo ha chiesto Rastelli nella conferenza stampa di sabato. L’Avellino si presenza all’incontro dopo una settimana terribile fatta di mancati recuperi (vedi Togni) e di calciatori mezzi incerottati (Pisacane, Abero per dirla in poche parole). E la coperta resta corta ma quando c’è da lottare nessuno si tira indietro. Il ballottaggio in attacco è annunciato. Soncin parte leggermente favorito su galabinov non fosse altro per garantire maggiore velocità al reparto. E Soncin garantisce imprevedibilità perchè da che se ne dica, fino ad ora, gli è mancato il gol ma le prestazioni sono sempre state al di sopra della sufficienza per spirito di sacrificio e forza tecnica che sa dare ed offrire nei momenti di difficoltà della squadra. E allora, probabilmente, si rivedrà l’ennesima formazione a sorpresa. L’ennesima prova di coraggio che Rastelli chiederà ai suoi calciatori. Nel modulo e negli uomini bisognerà sbagliare il meno possibile. perchè l’Empoli non perdonerà. Almeno ora che ha perso il primo posto in classifica a vantaggio di un Lanciano super sorprendente che ha superato di misura il Bari prossimo avversario dell’Avellino sabato prossimo al Partenio-Lombardi. Appuntamento alle ore 19, stadio Partenio-Lombardi. L’invito della società è recarsi allo stadio con largo anticipo. Servirà il pubblico delle grandi occasioni: quello ci sarà perchè servirà l’apporto di tutti. L’Avellino si affida ancora una volta a Gigi Castaldo. L’attaccante ha voglia di riscatto dopo il rigore sbagliato in casa contro il Varese. E ci si augura che possano sbloccarsi anche gli altri. L’Avellino fino ad ora segna poco ma si difende bene. Segnano difensori e centrocampisti, segno evidente che la squadra lavora e che gli attaccanti creano spazi. In quanto all’Empoli, confermato in blocco la formazione che martedì ha pareggiato in casa contro il Siena. Unica eccezione Moro: il capitano, infortunato, sarà rimpiazzato da Signorelli. Verdi giocherà da trequartista dietro Tavano e Maccarone. L’ex Juve Stabia proverà a rompere le linee, ad inserirsi senza problemi. Sarà cura dei centrali di centrocampo biancoverdi abbassare leggermente il baricentro e stargli addosso. Per toglierci spazio ed annientare la manovra d’assalto dei toscani.

 

Tratto da Il Corriere

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button