Termina a reti bianche la sfida contro la Virtus Entella

Virtus Entella (4-4-2): Paroni; Iacoponi, Cesar, Russo, Cecchini (21’ st Di Tacchio); Costa Ferreira, Volpe, Botta, Battocchio (32’ st Staiti); Lanini (24’ st Malele), Sansovini.
A disp: Pelizzoli, Troiano, Mazzarani, Latour, Litteri, Rinaudo.
All.: Luca Prina

Avellino (3-5-2): Gomis; Pisacane, Ely, Chiosa; Bittante (8’ st Petricciuolo), Arini, Kone, Filkor (11’ st Angeli), Visconti; Pozzebon, Arrighini (17’ st Castaldo).
A disp.: Frattali, Petricciuolo, Fabbro, D’Angelo, Comi, Soumarè, Vergara.
All.: Massimo Rastelli

Arbitro: Ivano Pezzuto della sezione di Lecce
Guardalinee: Antonino Santoro della sezione di Catania e Antonino Oliveri della sezione di Acireale.
Note: ammoniti Arrighini (A) al 30’ pt; Cecchini (VE) al 32’ pt, Botta (VE) al 23’ st; angoli 6-2; recupero 0’ pt e 6’ st.

Avellino rivoluzionato quello che si presenta al cospetto della matricola Virtus Entella. Il tecnico Rastelli manda in campo molteplici novità. Il primo reparto a subire delle modifiche è l’attacco e la mediana. Il 3-5-2 biancoverde vede Gomis tra i pali; il trio Pisacane-Ely-Chiosa in difesa, a centrocampo, come anticipato, la sorpresa tutta ungherese con Filkor a rilevare un D’Angelo non al meglio al fianco di Kone e Arini. Sulle fasce fiducia incondizionata a Bittante e Visconti. Attacco rivoltato come un calzino con Pozzebon e Arrighini a rilevare Comi e Castaldo. Prima, tecnico della Virtus Entella manda in campo il 4-4-2 collaudato. Il tecnico biellese rimpiazza Belli con Iacoponi, sulla destra e Cecchini sulla sinistra. Torna l’ex Chievo, Cesar dal primo minuto. Volpe in luogo di Di Tacchio con Costa Ferreira e Battocchio schierati sugli esterni. Bocche di fuoco Sansovini e Lanini.

PRIMO TEMPO: Partita iniziata in una giornata grigia, autunnale meno di 2000 gli spettatori presenti con circa 200 provenienti da Avellino. Al 24′ primo squillo dei padroni di casa. Discesa a sinistra di Cecchini cross indietro basso per Costa Ferreira che impatta bene ma colpisce un avversario sugli sviluppi dell’ azione l’ Entella reclama un rigore per l’ affossamento di Cesar in area. Passano 33′ minuti per vedere la prima azione pericolosa dei lupi. Cross dalla trequarti di Bittande Arrighini gira al vlo debolmente Paroni controlla senza problemi. Capovolgimento di fronte al 34′ sugli sviluppi di un angolo Costa Ferreira crossa per Iacoponi il quale controlla a fatica pur indirizzando verso Gomis che controlla agevolmente. Al 44′ ‘conclusione di Iacoponi dal limite palla che si alza troppo sulla traversa. Termina il primo tempo con il risultato ad occhiali e senza tanti sussulti.

SECONDO TEMPO: La ripresa comincia con un sussulto dei padroni di casa. Al 6′ Chiosa rinvia male su Lanini che lancia Sansovini, che dribbla tutti e prova la botta, Gomis ci mette i pugni. Pochi giri di lancette e Bittante rimane a terra. Guai seri per l’ex Fiorentina che esce in barella, al suo posto dentro il giovane Petricciuolo. A farsi pericolosi sono ancora, Lanini prova la maledetta su punizione, palla che di pochissimo termina a lato. Rastelli si rimbocca le maniche e manda in campo Angeli e Castaldo. Il copione cambia. Il numero dieci biancoverde si fa pericoloso in due occasioni. Al 20′ e al 22′. Castaldo servito da Konè trova i guantoni di Paroni. I guai continuano per la truppa di Rastelli. Negli ultimi dieci minuti si fa male anche Visconti costretto ad uscire. Lupi in dieci uomini. Nonostante l’uomo in più i padroni di casa non vanno al forcing finale. Termina una partita brutta che porta al secondo 0-0 per la truppa di Massimo Rastelli. Un punto che smuove la classifica per l’Avellino. Il tecnico di Torre del Greco dovrà fare i conti con due infortuni pesanti in chiave Coppa Italia e Campionato entrambe le ali sono out. Tutto rimandato alla sfida interna contro il Crotone.

 

 

Leggi anche

Scandone, che batosta: Cassino domina e vince 61-94

Non ci poteva essere modo peggiore per concludere questo girone di andata: Cassino domina in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.