Permanenza Bastien ad Avellino: c’è ancora una possibilità, Taccone ci prova

Permanenza Bastien ad Avellino: c’è ancora una possibilità, Taccone ci prova

La prossima settimana previsto un incontro con il club che detiene il cartellino del giocatore

Come scritto nelle scorse settimane il destino di Samuel Bastien sembra essere lontano da Avellino (leggi qui). La società belga dell’Anderlecht che detiene il cartellino del centrocampista, non ha voluto abbassare le pretese di 4 milioni di euro per il riscatto della proprietà. La motivazione sono i 5,5 milioni che il Liverpool ha già offerto al club belga che ormai attende solo il termine della stagione regolare di serie B per privarsi definitivamente di Bastien. La settimana prossima ci sarà un ultimo incontro per chiarire la situazione e chiudere definitivamente sul futuro del calciatore. Il presidente Taccone è pronto a volare in Belgio e a mettere sul piatto delle trattative il gran lavoro svolto dal club biancoverde per la valorizzazione del calciatore. La crescita esponenziale del valore del cartellino del centrocampista è da attribuire alle intuizioni di Attilio Tesser che lo ha impiegato in diversi ruoli. Prestazioni che hanno evidenziato caratteristiche diverse e la naturale propensione a poter ricoprire tanti ruoli, da quello di mediano ad esterno di centrocampo fino a quello di trequartista con grandi doti di inserimento in area.

Il presidente proverà ad esprimere le proprie ragioni e a far pendere la bilancia delle preferenza dal lato biancoverde. Una missione proibitiva vista già l’offerta del Liverpool che potrebbe essere gonfiata ulteriormente se il giocatore entrasse in un’asta europea, cosa da non escludere visti gli interessamenti anche di Siviglia, Udinese e Juventus. A quel punto il patron biancoverde cercherà di fortificare i rapporti con l’arrivo di un altro giocatore del club belga in terra irpina e un’eventuale riconoscimento per il lavoro svolto su Samuel Bastien.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy