L’intervista – Toscano: “Il modulo conta poco, vi dico cos’è importante per me in una squadra”

L’intervista – Toscano: “Il modulo conta poco, vi dico cos’è importante per me in una squadra”

Dopo l’incontro con la società e capire se ci sono i presupposti per essere insieme nella prossima stagione abbiamo contattato il tecnico per parlare del prossimo campionato di serie B

Oggi l’incontro della società con Attilio Tesser ma i vertici biancoverdi nella giornata di ieri hanno avuto un primo incontro con Domenico Toscano. Il tecnico calabrese è la figura più vicina a rivestire il ruolo di allenatore per la panchina biancoverde nella stagione che verrà. Lo abbiamo contattato telefonicamente per parlare del suo modo di vedere il calcio e di come affronterebbe il prossimo campionato di serie B.

Dopo la serie B biancoverde di Massimo Rastelli e Attilio Tesser, allenatori dalle caratteristiche diametralmente opposte, la guida tecnica dei lupi potrebbe essere affidata a Domenico Toscano. Per capire meglio come affronterebbe un campionato di serie B abbiamo chiesto al possibile nuovo allenatore biancoverde con quale modulo scenderebbe in campo. Il tecnico ha sottolineato che: “I moduli li ritengo numeri che servono ai giornalisti per descrivere un sistema di gioco in campo. Oggi il calcio è di una duttilità incredibile e i moduli lasciano il tempo che trovano. Quello che credo sia importante sono i principi e i concetti che porto avanti e che ritengo necessari, concetti di un calcio aggressivo e propositivo con una squadra che deve concedere poco e che possa creare i presupposti per divertirsi e far nascere sempre situazioni importanti. A mio avviso un calciatore non deve avere ruoli predefiniti ma regionare sempre attraverso un senso di duttilità che gli consente di saper far più cose per essere sempre pronto al servizio della squadra“.

Il tecnico non fa differenza sui giocatori che gli potrebbero essere messi a disposizione dalla società, non fa differenza tra giovani e giocatori di esperienza e chiarisce che: “Per me è importante avere in squadra calciatori intelligenti, bravi ma soprattutto che hanno tanta voglia di lavorare e se ci sono questi presupposti l’età non conta nulla“.

La serie B è un campionato difficile quanto strano, spesso l’investimento non equivale ai risultati sperati e succede che squadre come Carpi, Frosinone e Crotone si ritrovino a vivere un sogno. Toscano in chiusura ci rivela quali sono le quattro caratteristiche imprescindibile per una squadra per affrontare un campionato di serie B e puntare anche a un sogno: “Programmazione prima di tutto, unità di intenti, scegliere prima di essere uomo che calciatore e sbagliare meno degli altri“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy