BASKETNEWSSCANDONE

Delusione Scandone, crollo fatale nel terzo quarto: Reggio vince anche Gara 2 81-72

Avellino fallisce nel rispondere alla sconfitta di Gara 1, portando la Viola venerdì al matchpoint

La Scandone illude nel primo tempo e delude nel secondo, consegnando anche Gara 2 nelle mani della Viola Reggio Calabria. Incredibile il blackout nel terzo quarto degli irpini, che ad un certo punto hanno subito un parziale di 13-0. A fare la differenza è nuovamente Fall, devastante a rimbalzo (22 totali! 6 offensivi). Fondamentali anche le prestazioni del trio composto da Genovese, Mascherpa e Gobbato, mattatori offensivi della partita. Per Avellino non basta l’ottima prestazione di Monina (18 punti con 9/10 al tiro) e la solidità di Trapani, al suo massimo stagionale in termini di punti. La Scandone è ora sotto 2-0, con l’obbligo di vincere tutte le prossime partite per sperare di non dover giocare un ulteriore turno di playout. Il primo matchpoint è quindi per Reggio, venerdì alle 18 sul campo di Avellino. 

Primo tempo

Primo quarto segnato dalle scarse percentuali al tiro da 3 (Avellino 0/5, Reggio 1/5) e dai tanti falli commessi (Avellino 5, Reggio 6). Tra le file dei calabresi i due a dettare il ritmo sono sempre Genovese e Barrile, già rispettivamente a quota 9 e 7 punti. Una prima frazione che non vede un vero padrone, con entrambe le squadre che si scambiano canestri in un continuo “botta e risposta”. È bravo Marra a sfruttare i falli e a mettere a segno un paio di conclusioni (2/2), pareggiando così già il bottino della scorsa partita. Il primo quarto termina quindi in un totale equilibrio, 20-19 in favore della Viola, con le due squadre che si equivalgono nella valutazione (20).

La musica cambia nel secondo quarto, con gli irpini che sono protagonisti di un parziale di 14-4 (24-33 al 15′). Il protagonista è Thomas Monina, che appoggia un canestro dopo l’altro, segnando sul referto personale già 16 punti con un incredibile 8/9 al tiro. Riccio e Trapani sbloccano finalmente la situazione al tiro da 3 mentre i calabresi tentano con Gobbato di rimanere in scia (29-37 al 17′). Reggio continua però a faticare tanto nelle conclusioni da dietro l’arco, rivelatisi fondamentali per la vittoria nello scorso match. Trapani, invece, si sente ispirato e decide di mandare a segno un’altra bomba, venendo replicato immediatamente dopo da Mraovic, che mantiene a debita distanza la squadra di casa (36-45 al 19′). I liberi di Gobbato e una conclusione finale di Barrile permettono alla Viola di rimanere in scia, concludendo il primo tempo sul punteggio di 41-47.

Secondo tempo

Ad aprire le marcature nel terzo quarto è Monina, che continua con la sua incredibile serata realizzativa. Per Avellino cominciano però a riaffiorare i problemi di Gara 1: Fall sotto le plance domina, accumulando rimbalzi (14 al 25′) e falli subiti. Con un parziale di 7-0, iniziato da una tripla di Gobbato e concluso da un libero di Mascherpa, la Viola torna avanti sul 52-51. Il parziale prosegue con altri due liberi di Sebrek e un canestro di Roveda, costringendo coach Robustelli a chiamare timeout.  Mazzarese pone fine alla carestia offensiva irpina, interrompendo quello che, con un altro canestro di Gobbato, era diventato un break di 13-0. I calabresi continuano però a dominare: una tripla di Mascherpa porta in doppia cifra il vantaggio dei padroni di casa (65-45 al 29′). A mettere una pezza però c’è Marra: due triple in pochi secondi riducono il gap, con un difficile terzo quarto avellinese che termina per 65-61.

Reggio Calabria decide di tornare a focalizzarsi sul tiro da dietro l’arco, trovando una risposta positiva da Mascherpa. È però pronta la risposta di Trapani, oggi particolarmente ispirato (70-64 al 32′). La Scandone fatica però a trovare continuità, pescando poche soluzioni offensive all’infuori di Marra. I tentativi irpini continuano ad infrangersi sul ferro: Genovese ed il solito Gobbato rispediscono a -10 Avellino. Il match termina con il punteggio di 81 a 72.

Viola Reggio Calabria: Fall 6, Roveda 7, Genovese 18, Gobbato 19, Barrile 9, Mascherpa 18, Sebrek 4, Prunotto, Frascati, Romeo NE, Cuzzocrea NE  all. Bolignano

Scandone Avellino: Monina 18, Costa 2, Marra 17, Trapani 11, Ani 8, Riccio 5, Sousa 6, Scianguetta NE, Mazzarese 2, Mraovic 3  all. Robustelli

Articoli correlati

Back to top button