Nevola: “Non c’è nessun caso Hardy”

Antonello Nevola, DG della Sidigas Avellino
Antonello Nevola, DG della Sidigas Avellino

Il blocco delle operazioni di mercato a causa del lodo presentato e vinto da Dwight Hardy, guardia in forza lo scorso anno alla Sidigas Avellino e questa stagione nelle fila della Granarolo Bologna, non spaventa la società irpina. La notizia, riportata ieri da un quotidiano locale, getta delle ombre su possibili operazioni in ingresso o uscita nel breve periodo all’interno del roster della Scandone.  A rassicurare è il Direttore Generale Antonello Nevola: «Si, col giocatore c’è ancora questo  contenzioso e non si è arrivati  ad una conclusione». Sul perché si sia deciso di non accelerare i tempi di risoluzione  il dirigente biancoverde replica: «Non si tratta di voler protrarre la questione ma essendoci delle scadenze precise, chiaramente le gestisci col tempo necessario ed abbiamo ritenuto questa la scelta più opportuna. È un’operazione programmata». Da parte sua Hardy vanterebbe delle cospicue spettanze economiche relative al suo contratto con la Sidigas durato fino al 23 gennaio 2013, giorno in cui l’ex Mvp della Legadue 2011-2012 decide di lasciare l’Irpinia e firmare a marzo  un accordo, sino al termine della stagione, coi siciliani del Basket Barcellona. Finché il nodo Hardy non verrà sciolto, il club di contrada Zoccolari potrà terminare il campionato senza, tuttavia, poter effettuare operazioni di mercato sia in entrata che in uscita. Un problema che potrebbe sorgere qualora l’assenza di Taquan Dean dovesse prolungarsi oltre la gara casalinga di domenica pomeriggio contro la Montepaschi Siena  e la trasferta del 15 dicembre in casa dell’Umana Reyer Venezia. L’impossibilità di muoversi sul mercato raffredderebbe la pista che vuole Avellino interessata all’ex Cantù e Milano Mindaugas Katelynas, ala lituana di 205 centimetri in uscita dal Trabzonspor, club militante nel massimo campionato cestistico turco. E a proposito del reparto lunghi, in merito alle voci di mercato che stanno riguardando da vicino Paul Biligha ,il Dg Nevola ha tenuto a precisare: «Le dichiarazioni del procuratore (Andrea Forti ndr) a mio avviso sono state riportate male perché ha semplicemente dichiarato che, per il bene del giocatore, si sarebbe valutata la situazione  in corso d’opera. Questo è un concetto che chiaramente vale per tutto il gruppo». Sullo scarso utilizzo dell’ex ala di Casalpusterlengo chiarisce: «Paul è un giocatore che ha dato molto lo scorso anno e quest’anno non ha ancora trovato quello spazio che necessita ma non entro nel merito delle decisioni dell’allenatore. Toccherà a questi decidere cosa sia giusto per il giocatore. Altrimenti si faranno scelte diverse».

Numeri – Malgrado il ko della sua Vanoli Cremona al PaladelMauro, Jason Rich si conferma il miglior realizzatore del campionato con 21,3 punti a gara, seguito dal sassarese Drake Diener con 20,8. Primo biancoverde nella speciale graduatoria è Will Thomas al 15° posto con 14,8 punti.  2° miglior rimbalzista della Lega è Kaloyane Ivanov con 9,8 palloni conquistati sotto le plance. Meglio del bulgaro il centro della Vuelle Pesaro con 13 rimbalzi. Si conferma tra i primi cinque assist man del campionato Jaka Lakovic con 4,6 passaggi vincenti ai propri compagni. Lo sloveno scende di una posizione rispetto alla scorsa settimana, dal secondo al terzo posto, preceduto dal senese Hackett e da Andrea Cinciarini di Reggio Emilia. Il regista di Lubiana mantiene intatto il terzo gradino tra i giocatori più efficaci ai tiri liberi co suo 95,5%.  Nella casella dei falli subiti scende di due posizioni Ivanov (5,7 falli conquistati). Salgono Jerome Dyson di Brindisi e Keith Langford dell’Olimpia Milano. Vorrà riscattarsi anche Will Thomas, spodestato dal trono di miglior giocatore per valutazione da Jason Rich. L’ex centro di Liegi scivola al quarto posto, dietro al compagno di reparto Ivanov e all’ex Drake Diener. Nella classifica di squadra, la Sidigas è  undicesima nei punti realizzati (75,6); quinta nel catturare i rimbalzi nella propria area (35,6); seconda negli assist (15,5) dietro ai campioni d’Italia della Montepaschi; terza nei tiri liberi (81,3 %).

Under 19  d’Eccellenza – I ragazzi allenati da coach Freda sono stati sconfitti 74-53 lunedì a Roseto. Si tratta della terza sconfitta dopo gli altrettanti successi di inizio stagione. Partita molto simile a quella disputata contro la Virtus Roma nel turno precedente: un approccio molle che porta subito i padroni di casa in doppia cifra di vantaggio. Reazione dei lupacchiotti tra fino primo quarto ed inizio secondo, che però non viene seguita dopo l’intervallo. Il parziale di 20-4 nel terzo quarto è impietoso e permette a Roseto di gestire gli ultimi 10 minuti. Prossimo impegno per Ronconi e compagni sarà la trasferta in casa della Juve Caserta.

Fonte:  Il Corriere dell’Irpinia  04/12/2013

Leggi anche

La Scandone sciupa 12 punti di vantaggio e perde all’overtime contro Formia 83-81

Avellino è sempre in vantaggio fino a due minuti dalla fine del quarto quarto, acciuffando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.