Il dirigente irpino, Rocco Caruso, premiato dalla FIGC per l’attività di dirigente di società calcistiche irpine

Il dirigente irpino, Rocco Caruso, premiato dalla FIGC per l’attività di dirigente di società calcistiche irpine

Il dirigente irpino, Rocco Caruso, premiato a Roma dalla FIGC per l’ultraventennale attività di dirigente di società calcistiche irpine

di Redazione Sport Avellino

Giornata di grande riconoscimenti quella di sabato 22 giugno, a Roma, per tanti dirigenti sportivi irpini. Dopo il premio al prof. Fernando Selvitella, per l’ultra ventennale attività di dirigente sportivo, è stato premiato un altro irpino.

Si tratta del dirigente irpino, Rocco Caruso, premiato a Roma anche lui dalla FIGC.

Nato ad Avellino nel 1966, Rocco Caruso risiede a Lioni da anni. Dal 1992-93 è dirigente del BRK Lioni, club che ha anche fondato, di cui ha anche esercitato la carica di presidente. Dal 2011 ha poi fondato la POLISPORTIVA LIONI.

Il 12.02.1992 premiato a Napoli, presso l’Hotel Terminus, con il “TROFEO ROBERTO FILOTICO, un
signore nello sport”, dalla DIVISIONE CALCIO A CINQUE del Comitato Regionale Campania della L.N.D. – F.I.G.C., quale miglior giovane dirigente sportivo della Campania.

Dal 24.02.2006 al 05.05.2006 ha partecipato al 39° Corso Regionale per Dirigenti Sportivi, tenutosi presso
l’Università degli Studi di Salerno, organizzato dalla Scuola Permanente di Formazione dei Dirigenti di
Associazioni Sportive affiliate alla F.I.G.C. del Comitato Regionale Campania L.N.D.

Ora questo ambito premio ottenuto a Roma, consegnatogli da Cosimo Sibilia, presidente della LND.

“Dedico il riconoscimento, che ho avuto l’onore di ricevere a Roma dalle massime Autorità della F.I.G.C. e della Lega Nazionale Dilettanti, oltre che ai miei familiari, a due Società, Famiglie Sportive e Squadre per me STRAORDINARIE: la B.R.K. LIONI, pioniere del calcio a cinque in Alta Irpinia, e la POLISPORTIVA LIONI.Sono lusingato di essere stato fra i fondatori di entrambi i sodalizi. In ciascuna delle due esperienze ho avuto modo di conoscere tante persone altrettanto STRAORDINARIE con le quali ho condiviso indimenticabili percorsi sportivi ed anche di vita”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy