CALCIOINTERVISTENEWSSERIE C

Avellino, Braglia: “Non vedo i miei giocatori tranquilli, dal nervosismo nascono solo problemi”

Le parole dell'allenatore dell'Avellino dopo il pareggio in casa contro il Latina

È un Piero Braglia amareggiato quello che è intervenuto ai microfoni di Primativvù per commentare il pareggio in casa contro il Latina: “Fino all’espulsione penso che abbiamo creato un sacco di occasioni. Non si può far passare così un avversario, lo voglio rivedere comunque. Purtroppo non è la prima volta che stiamo a commentare un pareggio, ora addirittura un’espulsione. Dobbiamo darci una calmata, dal nervosismo nascono i problemi. Abbiamo provato a vincerla nel secondo tempo ma non ci girava nemmeno bene, tra pali ed occasioni sbagliate. È un momento che dobbiamo capire bene le nostre situazioni, troppo nervosismo. Lamentarsi non serve a niente, bisogna capire alcune cose e recuperare i giocatori che anche oggi mancavano. La squadra ha dato tutto ma non è bastato, dobbiamo guardare alla prossima partita.

Il momento chiave del match è stata sicuramente l’espulsione di Carriero, ci si chiede se possa essere dovuto ad un nervosismo nato anche in seguito agli ultimi pareggi: “Non è dovuto ai pareggi, io non li vedo tranquilli. Forse ci sono troppo aspettative, portiamo addosso un nome e lo capisco ma reagendo così fa solo male. Non c’era nemmeno motivo, era entrato e aveva preso la palla. È stato il quarto uomo a fischiare e non l’arbitro ma non cambia la sostanza. La squadra ha cercato di vincerla anche in 10, hanno dato tutto ma a volte non basta.
Non manca la domanda sull’infortunio di Di Gaudio: “Penso abbia avuto un’infiammazione, probabilmente giocando subito lo abbiamo caricato un po’ troppo. Era inutile rischiare di perderlo per un mese. La partita la stavamo facendo bene, non è quello il problema. Il problema sarebbe perdere i giocatori.
Previsto ora l’impegno della Coppa Italia: “Sarà un’occasione per quelli che non giocano, per dimostrare che possono dire la loro. prenderemo in considerazioni vari cambi”

Articoli correlati

Back to top button