Avellino, cercasi imprevedibilità. Braglia aspetta Errico

Il centrocampista ex Frosinone può rientrare a breve e garantire al tecnico una soluzione in più

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

Con il fiato sospeso per il secondo ciclo di tamponi di oggi, l’Avellino si avvicina alla sfida con il Foggia. I biancoverdi dovranno fare a meno del difensore Silvestri, risultato positivo al coronavirus, e del centrocampista Andrea Errico, ancora ai box per infortunio. Due assenze pesanti per mister Braglia, che spera di scongiurare altri casi di positività e di recuperare al più presto tutti gli effettivi.

Se per Silvestri c’è da attendere la guarigione dal virus, le cui tempistiche non sono prevedibili, per quanto riguarda Errico, invece, la gara con la Casertana di domenica potrebbe essere quella giusta per il rientro. Il centrocampista ex Frosinone è atteso con ansia da mister Braglia, che sin dal suo arrivo ne ha parlato in termini entusiastici, sottolineando le sue peculiari caratteristiche.

Nelle gare con Viterbese e Juve Stabia, alla formazione biancoverde è mancato un uomo di qualità a centrocampo, capace di spezzare il ritmo e di aumentare la pericolosità offensiva della squadra. Errico è esattamente quel tipo di calciatore, bravo a saltare l’uomo e a dare imprevedibilità e fantasia negli ultimi 30 metri di campo.

Per questo il suo rientro è considerato prioritario da Braglia, che dovrà stringere i denti nella trasferta di Foggia prima di poter finalmente accogliere il “ragazzino”. Errico si avvicina al rientro, pronto a regalare qualità e verticalità alla formazione biancoverde.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy