L’Avellino ai raggi X: il punto su rosa, under e mercato

Un’analisi complessiva sulla rosa biancoverde e sui possibili risvolti di mercato

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

Mancano ormai meno di 24 ore all’apertura ufficiale della sessione estiva di calciomercato. Dopo una lunga fase di stallo, l’Avellino sta cominciando a muoversi con decisione e a lavorare alla composizione del nuovo organico. Il diesse Di Somma e il tecnico Piero Braglia stanno lavorando con grande sintonia, nel nome della programmazione e della progettualità. Per fare maggiore chiarezza ed individuare le linee guida del mercato biancoverde, ecco un’analisi complessiva sulla situazione attuale della rosa dell’Avellino, nell’ottica di una valutazione che tenga conto del regolamento sulla composizione dell’organico e sul minutaggio degli under.

Composizione della rosa e minutaggio: il regolamento

Nella composizione della rosa, l’Avellino dovrà rispettare le novità regolamentari stabilite dalla Lega Pro nel corso dell’ultimo Consiglio. Nello specifico, i biancoverdi dovranno presentare una lista con al massimo 22 giocatori professionisti. Il numero può salire a 23 con l’inserimento di un solo calciatore nato dopo il 1° gennaio 2001 (es. Pizzella). Possono essere inseriti fuori lista, invece, i cosiddetti giovani di serie e i calciatori al loro primo contratto da professionisti (es. Parisi).

Un’altra regola importante riguarda il numero dei prestiti dai club di A e B. L’Assemblea di Lega ha infatti sancito il passaggio da un massimo di 6 ad un massimo di 8. Allo stato attuale, l’Avellino non ha occupato ancora alcuno slot da questo punto di vista.

Per quanto riguarda il discorso relativo agli under e ai contributi, invece, sono queste le linee guida stabilite dalla Lega Pro. La soglia minima per accedere ai contributi è di 271 minuti: ciò significa che tre under dovranno sempre essere in campo, mentre un quarto dovrà giocare almeno un minuto. I classe ’98 mantengono lo status di under, ma con una differenza sulle quote di contributi. Per l’utilizzo dei ’98 la quota di ponderazione sarà di 0,50, per i ’99 di 0,80, 1 per i 2000, 1,20 per i 2001 e 1,40 per 2002 e seguenti.

Avellino, la situazione ruolo per ruolo e gli obiettivi

Considerando queste limitazioni sui componenti della rosa, l’Avellino dovrà dunque decidere come strutturare il proprio organico. Prima di analizzare nel dettaglio quali sono i margini per i nuovi innesti, concentriamoci sull’attuale rosa a disposizione di Braglia. Attualmente la rosa dell’Avellino è composta da 17 elementi, non sono considerati Nikolic e Kerbeche (quest’ultimo è in prova), 9 dei quali sono under.

Portieri

Per quanto riguarda la porta, l’Avellino può contare sull’esperienza e la solidità di Francesco Forte. Sarà lui l’estremo difensore titolare, anche se è atteso l’arrivo di un portiere under (Brancolini) che possa alternarsi con lui ed essere utile in termini di minutaggio. Al momento Pizzella e Pellecchia completano l’organico, ma solo uno dei due resterà in veste di terzo portiere a fine mercato.

Difensori

Il reparto arretrato è allo stato attuale quello numericamente più completo. Braglia può contare su 7 elementi (2 giovani di serie come Acampora e De Francesco), che costituiscono l’ossatura della difesa titolare che verrà. A destra c’è Ciancio, a sinistra Parisi, mentre il pacchetto dei centrali è composto da Miceli, Rocchi e Laezza. Il direttore Di Somma è comunque alla ricerca di nuovi rinforzi, in particolare di un altro centrale esperto (Scognamillo). C’è attesa per Nikolic, mentre la situazione sugli esterni dipende in larga parte dal futuro di Parisi.

Centrocampisti

Sono 4 i centrocampisti in organico. Mentre Silvestri e Bruzzo avranno un ruolo centrale nello scacchiere di Braglia, uno dei due sarà certamente titolare, il destino di Federico e Corcione pare essere lontano dall’Irpinia. Serviranno rinforzi importanti, almeno 4. Per questo l’Avellino non molla le piste Bruccini, Mungo e Arini. Uno slot ulteriore potrebbe essere riempito da un under in arrivo dalla Serie A.

Attaccanti

Il reparto offensivo è invece quello più corto e più bisognoso di forze fresche. L’arrivo di Bernardotto ha sbloccato la situazione, mentre Ferretti è in uscita. Il giovane Mariconda giocherà con la formazione Berretti, per cui l’attenzione è tutta rivolta al mercato. Servono almeno 3 attaccanti, 2 over e 1 under. Castaldo è il nome in cima alla lista, continuano inoltre i contatti con la Reggina per Corazza.

I risvolti sul mercato

Analizzando lo stato della rosa, dunque, è possibile tracciare le linee guida del mercato biancoverde. L’Avellino tiene occupati attualmente 10 dei 22 slot a disposizione per la composizione della rosa, mentre sono 7 i calciatori attualmente in ritiro che possono essere inseriti fuori lista. Ai giovani di serie classe 2001-2003 va aggiunto Parisi, in virtù del fatto che il terzino serinese firmerà il suo primo contratto da professionista nel corso di questa stagione.

C’è ancora grande margine per intervenire sul mercato. Il diesse Di Somma può inserire in rosa altri 12 calciatori, numero destinato a salire con le uscite di Federico e Ferretti. I nuovi innesti riguarderanno sia calciatori di esperienza sia under da utilizzare in ottica minutaggio. Sono 9 i calciatori italiani nati dal ’98 in poi attualmente a disposizione, 3 dei quali (Parisi, Silvestri, Bruzzo) offrono ampie garanzie in termini di utilizzo e rendimento. Ne servono almeno altri 5 da inserire nelle rotazioni per poter ambire ai preziosi contributi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy