Leader Di Paolantonio, l’«altro» capitano con vista sul futuro

Il centrocampista teramano ha trovato ad Avellino la sua dimensione ideale: con il rinnovo potrebbe diventare il pilastro del futuro

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

A suon di gol ed assist, di prestazioni sempre gagliarde e convincenti, Alessandro Di Paolantonio si è guadagnato il ruolo di pilastro dell’Avellino di Capuano. Dopo una serie di esperienze sfortunate, il centrocampista teramano ha trovato in Irpinia la sua dimensione ideale, diventando uno dei migliori centrocampisti della C oltre che il leader tecnico ed emotivo della formazione biancoverde.

Arrivato nel novembre 2018 da svincolato, nei suoi primi mesi ad Avellino Di Paolantonio aveva incontrato diverse difficoltà, di natura fisica e tattica. Le premesse non sembravano promettere una simile esplosione, che invece è arrivata graduale e decisa. Dopo aver trascinato la squadra nella rincorsa alla promozione, con il salto in C Di Paolantonio è cresciuto ulteriormente, trovando terreno fertile per far valere la sua qualità tecnica. Con Ignoffo prima e Capuano poi, il numero 7 dei lupi ha preso piena consapevolezza del suo ruolo di guida in campo ed è diventato decisivo. I numeri (8 gol e 5 assist) sono esaltanti, così come la sua visione di gioco e la straordinaria efficacia sui calci piazzati.

Ma il ruolo di Di Paolantonio nel progetto biancoverde non può essere ridotto a quello di risorsa essenziale che ricopre per il gioco di Capuano. L’ex Teramo è infatti una pedina fondamentale anche nello spogliatoio, uno di quei calciatori in grado di trascinare il gruppo e di compattarlo nei momenti difficili. La sua personalità e la sua influenza sui compagni lo hanno reso l’anima della squadra, come riconosciuto dallo stesso Capuano. Più volte infatti il mister gli ha assegnato la fascia di capitano, a conferma di una fiducia che va ben al di là dell’aspetto tecnico. Di Paolantonio è l’altro capitano dei lupi, un punto di riferimento imprescindibile per maturità e leadership.

Per preservare il suo ruolo e costruire su di lui un progetto solido e duraturo, che miri sempre più in alto, resta però da risolvere il nodo rinnovo. Di Paolantonio può essere il simbolo del nuovo Avellino, il marchio di garanzia. Lui stesso ha riconosciuto questa possibilità, senza però sbilanciarsi. Molti club di categoria superiore sono pronti a tutto pur di assicurarselo, per cui bisogna fare in fretta. Con il suo rinnovo, infatti, l’Avellino si assicurerebbe la conferma di un calciatore capace di fare la differenza in tutti i sensi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy