Passa la linea Festa – Restano in città solo le squadre di De Cesare

Passa la linea Festa – Restano in città solo le squadre di De Cesare

Con il San Tommaso a Montemiletto a porte chiuse e la Sandro Abate a Cercola (a porte aperte), lo sport in città resta nelle mani di Festa e di De Cesare

di Redazione Sport Avellino

Il palazzetto solo per il basket. Il Partenio solo per l’Avellino. In due giorni, dall’Avellino enjoy in vena di fare festa, si sono fatti più danni sportivi che nell’ultimo decennio. Nella stagione in cui lo sport avellinese si è preso la ribalta delle cronache nazionali con un San Tommaso in Serie D (non accadeva che una società irpina raggiungesse la D dai tempi del Solofra e dell’Ariano ndr) e la Sandro Abate in serie A di futsal (mai accaduto ndr), la nuova amministrazione comunale ci ha messo poche settimane per bruciare l’entusiasmo.

Prima opponendosi alla richiesta di disponibilità del DelMauro avanzata dalla società di calcio a 5, poi favorendo l’esodo del San Tommaso a Montemiletto (a porte chiuse). In nemmeno 24 errore il Sindaco ha incassato due sconfitte una dietro l’altra. Senza aver possibilità di replica alcuna perchè i fatti, visti da fuori e con distacco anche, gli danno torto.

Due belle realtà avellinesi costrette ad emigrare perchè non si è voluti trovare una soluzione concreta che accontentasse entrambe. E la colpa è, purtroppo, di una amministrazione comunale che seppur appena insediata, si è mostrata subito incapace di gestire due “piccoli” problemi di facile risoluzione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy