INTERVISTE

Avellino, Braglia: “Da stasera andiamo in ritiro, con la Vibonese non sarà facile”

Ecco cosa ha detto l'allenatore biancoverde in vista della gara di sabato pomeriggio

Nella conferenza stampa di presentazione, il tecnico dell’Avellino Piero Braglia ha introdotto la sfida del “Luigi Razza” contro la Vibonese.

Sugli squalificati? Ci siamo abituati, giocheranno altri ragazzi. Partita non facile, hanno fatto una grande gara anche a Palermo, noi la stiamo preparando bene e speriamo di fare bene anche in campo. C’è da stare attenti. Penso che se scendiamo di livello rischiamo contro tutti. Mi lascia ben sperare che alcuni degli squalificati vogliano venire in ritiro stasera, perché da stasera ce ne andiamo in ritiro. Da come li vedo allenarsi non penso che correremo questo rischio. Andiamo a giocare contro una bella squadra che si vuole tirare fuori dai guai. Penso che ogni partita ci debba dare una motivazione in più per prepararci al meglio per questi play off. Prima ci qualifichiamo come secondi e meglio è. Mi aspetto una partita tosta da parte dei ragazzi. Quando sono arrivato qui mi hanno detto che volevano entrare tra i primi 5, ora siamo secondi. Quando ci alziamo troppo con la linea subiamo troppi gol. Il gruppo è migliorato, siamo più cattivi, andiamo avanti per la nostra strada ed inseguiamo un sogno. Questa squadra ha dimostrato di poter competere con le più brave quando è al completo”.  

Sulla riapertura degli stadi: “Penso che 1000 persone in uno stadio come questo non si vedono neanche. Sarebbe bello per i ragazzi”. 

Sulla presenza dei tifosi in tribuna sabato:Negli stadi dove siamo andati ce n’erano 4 volte in più rispetto qui. In tribuna c’erano sempre i soliti”. 

Su Baraye e Laezza: “Non giocano una partita da un anno. Giuliano non voglio che faccia brutte figure, scenderà in campo nel momento giusto“.

Su Errico: “Bisogna tenerlo come un gioiellino. Ogni tanto si affatica. Bisogna tenerlo sempre sotto osservazione“.

Su Rocchi:Fa il braccetto o di destra o di sinistra. Se fa bene gli diamo fiducia, altrimenti abbiamo anche altre soluzioni come Ciancio e Laezza“.

Su Dossena:È un ragazzo che sta crescendo. Ha tutto, fisico e stazza. Deve lavorare sui suoi difetti, come la rapidità“.

Su Miceli:Ha sempre giocato, nelle ultime tre partite, in due occasioni, non ha giocato bene. Deve rendersi conto della crescita degli altri. Può essere ancora il nostro capitano“.

Articoli correlati

Back to top button