INTERVISTE

Avellino, De Vito: “Siamo lupi e non siamo agnelli, noi alla pari degli altri possiamo giocarci la B”

Le parole del diesse biancoverde

La disfatta in casa del Foggia ha chiuso la regular season dell’Avellino. In attesa dei play-off, i quali prenderanno il via il prossimo 1 maggio ma che vedranno i ragazzi di mister Gautieri scendere in campo nel secondo turno della fase a gironi, il direttore sportivo della compagine irpina Enzo De Vito è intervenuto ai microfoni di Prima Tivvù per commentare la sconfitta dello Zaccheria, parlando poi di altre tematiche inerenti il mondo biancoverde.

Difficile commentare dal punto di vista tecnico una gara che ci ha visto poco presenti, faccio fatica a giustificare l’atteggiamento in campo. È finita si dice alla fine, ci troviamo davanti alla lotteria dei play-off. L’Avellino come società l’ha vinta già due volte non partendo da favorita, ma il passato serve solo per aggrapparsi alla speranza di tutti noi. Ieri l’Avellino ha fatto una bruttissima figura, e questo non lo merita la tifoseria e la proprietà. La società lavora 24 ore su 24 per l’Avellino, per questo queste figure non si possono fare. Ora i processi non possiamo e non dobbiamo farli, c’è da buttare il cuore oltre l’ostacolo e dobbiamo ritrovarci. Siamo lupi e non siamo agnelli, noi alla pari degli altri possiamo giocarci la Serie B. Abbiamo tutto a mio avviso per fare bene, ora noi chiediamo umilmente l’aiuto dei tifosi; Avellino difficilmente senza tifosi ha fatto qualcosa di buono. Siamo consapevoli delle difficoltà oggettive che questi ragazzi da inizio stagione stanno avendo. Devo individuare le soluzioni che possono portare questa squadra il più lontano possibile. 

Sul ritiro in vista dei play-off:Col Presidente abbiamo capito che dobbiamo fare di tutto e riteniamo che il ritiro possa essere un modo per ritrovarsi. Domani il presidente vuole incontrarci tutti per guardarci negli occhi perché è deluso e rammaricato. Stiamo limando tutto ciò che c’è da limare”.

Sul cammino play-off:A prescindere dal tabellone, noi siamo l’Avellino e deve interessarci ben poco quale sarà l’avversario. Dobbiamo prepararci bene, conto poco chi prendiamo, il 4 chiunque venga al Partenio deve necessariamente essere nostra preda. Non devono esserci rimpianti, dobbiamo prepararci al meglio possibile per regalare qualcosa che ad oggi sembra impossibile. Vogliamo smentire tutti e speriamo riuscirci. Ci possono essere gli elementi per fare bene in questi play-off”.

Articoli correlati

Back to top button