Avellino, il rammarico di Ignoffo: “Dobbiamo essere più cinici, derby duro sul piano fisico”

Avellino, il rammarico di Ignoffo: “Dobbiamo essere più cinici, derby duro sul piano fisico”

Le parole del tecnico biancoverde dopo il ko contro la Cavese

di Redazione Sport Avellino

“Purtroppo gli episodi sono andati ancora contro nei nostri confronti dopo aver provato a comandare la partita. Non abbiamo sfruttato l’occasione più ghiotta e da lì è cambiata l’inerzia. Il rammarico è non riuscire a finalizzare e non riuscire ad equilibrare la partita.” Così Giovanni Ignoffo ai microfoni di Ottochannel analizza la sconfitta rimediata nel derby contro la Cavese. Un match duro caratterizzato anche da momenti di nervosismo: “Morero è una persona matura e sa gestirsi. L’attaccante della Cavese era entrato in manierra dura sulla coscia di Santiago ed ho voluto evitare di rimanere in nove. Illianes ha commesso una ingenuità ma non deve cadere in simili tranelli.”

La bassa età anagrafica sta condizionando in questo momento la rosa biancoverde: “La squadra è giovane per la categoria e quando accadono simili occasioni è difficile gestire. Dobbiamo essere più cattivi in fase conclusiva. In queste ultime partite stiamo soffrendo questa situazione e al primo episodio veniamo castigati. Se capitano episodi in cui rimaniamo in inferiorità numerica diventa più difficile uscirne ma solo col lavoro possiamo crescere e tornare a vincere. Fino allo svantaggio non ho nulla da rimproverare sul piano tecnico ai miei ragazzi. Dopo lo svantaggio abbiamo accusato il colpo psicologicamente.”

Adesso la testa è rivolta alla prossima sfida col Rende: “Dobbiamo preparare al nostro solito modo la partita. Preferisco una brutta prestazione ma un risultato positivo. Speriamo di recuperare tutti gli indisponibili. Oggi qualcun altro in rosa non stava benissimo prima del match.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy