CALCIONEWSSenza categoriaSERIE B

Calcio & Dossier – I fallimenti del calcio italiano: scompaiono in media 5,46 squadre all’anno

[fncvideo id=159133 autoplay=true]

La situazione che sta interessando il calcio italiano non è una novità, in questi anni, nel periodo estivo, si sente parlare di qualche società in giro per l’Italia in difficoltà economiche, andando a modificare l’assetto del campionato di appartenenza. Quest’anno a rimetterci le penne in Serie B sono il Bari ed il Cesena  (in attesa di una decisione sull’Avellino calcio), situazione non diversa in Serie C dove tantissime squadre potrebbero non esser ammesse in Serie C, oltre Vicenza e Modena si aggiunge la Reggiana che ricomincerà dalla Serie D proprio l’anno del centenario.

Ma oramai è la consuetudine di tutti gli appassionati di calcio discutere ogni anno di quale squadra dovrà dire addio alla categoria  ed al tempo stesso inizia il toto nome intorno alla squadra che verrà ripescata. Le statistiche sui fallimenti registrati negli ultimi anni nel calcio italiano impressionano tutti, sottolineando un’emorragia di club che ogni anno non riescono ad iscriversi al campionato. Solo negli ultimi 32 anni, prendendo come punto di riferimento la stagione 1986-87 – dati dal Report del Calcio emesso dalla Figc – sono state 175 le società che non si sono iscritte al campionato di riferimento, una media di 5,46 squadre all’anno, quasi 1 squadra ogni mese tra le tre massime categorie del calcio italiano (comprese la veccia Serie C2 e la Lega Pro Seconda Divisione), la regione più colpita è la Campania con oltre 20 squadre coinvolte.

Schermata 2018-07-17 alle 17.52.20

 

Il grafico, consultabile sul sito internet TrueNumbers.it, dimostra come la categoria più  colpita sia proprio la Serie C, che ogni anno perde pezzi, con un totale di 152 squadre svanite, mostrando un andamento costante nel tempo, eccetto i picchi registrati tra la stagione 2010-11 e 2011-12. La Serie B non dimostra questa emorragia, solo 11 squadre, incluse Bari e Cesena (esclusa l’Avellino, in attesa di decisione in merito), ancor meno la Serie A, che negli ultimi 32 anni ha registrato solo la mancata iscrizione di una squadra, il Torino nella stagione 2005-2006, che nonostante avesse ottenuto la promozione nella massima serie dovette dichiarare l’insolvenza e di conseguenza il fallimento.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button