Angeli (Video): “Orgoglioso di indossare questa maglia, col Vicenza vietati approcci sbagliati”

Entusiasmo a mille in casa Avellino. Dopo la vittoria rimediata contro il Modena domenica si torna in campo, alle 18. Al Partenio-Lombardi arriva il Vicenza di Pasquale Marino. Una nuova neo promossa se così si può definire, visto che è giunta in B grazie al ripescaggio. Uno dei protagonisti di questo Avellino e di questa crescita è il belga Arnor Angeli. Un mediano che ha raccolto l’eredità di Benoit Ladriere. Un giocatore che si sta facendo largo nella truppa di Massimo Rastelli. Il suo esordio, da titolare assoluto si è avuto contro il Perugia. Il 23enne ex Mons, Beerschot e Standard Liegi si è presentato questo pomeriggio in sala stampa, confermando le sue parole pronunciate al suo arrivo in Irpinia. «Stiamo preparando la gara con grande calma e applicazione. Vedremo la stessa squadra delle ultime settimane». Esordisce così in conferenza il talento belga in vista del match interno contro il Vicenza. Dopo aver spiegato come l’Avellino affronterà il Vicenza si è lasciato trasportare nel raccontare le sue caratteristiche «Mi sento un numero dieci che fa giocare gli altri e che effettua l’ultimo passaggio al compagno. Attualmente gioco in un ruolo diverso di quello che era il mio in Belgio, dove non esiste il 3-5-2, ma con il passare delle partite e dei minutaggi nelle gambe mi sto abituando. Probabimente ho ancora bisogno di un po di tempo per crescere, ma ci sto mettendo la massima concentrazione. Il mister lo ha capito infatti mi sta mettendo nelle condizioni di dare il massimo». Un sinistro micidiale: “In campionato non ho avuto ancora la possibilità di provarci”. Sulle due vittorie di fila: “Rastelli ci invita sempre alla calma. Dobbiamo pensare ad una gara alla volta. Il Vicenza è un avversario tutt’altro che semplice da affrontare”. Un Avellino che ha cambiato molto in queste 13 giornate: «Siamo una squadra unita, compatta. Siamo tutti titolari. E’ importante dare il massimo per società e tifosi». Sui tifosi: «Loro sono meravigliosi, sono fiero di giocare per questa gente. Dobbiamo sempre dare il massimo per loro che meritano tanto». Gruppo umile: »E’ una parola che è nel nostro Dna». Angeli ha dimostrato tutta la carica in vista dell’impegno interno contro il Vicenza. Una pedina che potrà rivelarsi utile anche in vista delle molteplici assenze che stanno attanagliando la truppa di Massimo Rastelli. Angeli per la gara contro i biancorossi corre verso un posto da titolare. Probabilmente sarà lui a ricoprire il posto di Schiavon, visto che l’ex Cittadelle è ancora fermo ai box per via dei guai rimediati contro il Bari nella sfida esterna del San Nicola. Sarà una sfida ostica contro una compagine che cercherà di confermarsi dopo la buona vittoria rimediata contro la Pro Vercelli. L’Avellino cercherà di dare positivià ancora al trend avviato contro il Catania. Per la sfida contro il Vicenza il tecnico Rastelli dovrà fare di necessità virtù visto i vari infortuni.

Leggi anche

Salerno – Avellino, le pagelle: one man show di Riccio

Le pagelle della cocente sconfitta avellinese sul campo di Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.