SERIE B

Arini: “siamo pronti per affrontare la Ternana”

Nello scorso campionato è stato l’arma in più dell’Avellino. Quando è in campo sembra una tigre affamata. Tuttora fondamentale nello scacchiere tattico di Rastelli. Stiamo parlando di Mariano Arini. Intervenuto in sala stampa, si è parlato principalmente della partita di Latina e di come i lupi affronteranno la Ternana domenica al Partenio.

Dopo Novara e Latina, arriva la Ternana. Per fortuna si gioca in casa, dato lo spessore dell’avversario.

La Ternana è un’ottima squadra, come anche il Novara e il Latina. In settimana lavoreremo duro. Sappiamo che l’avversario è di quelli da rispettare, noi però ci faremo trovare pronti per questa partita.

La tua carriera sta avendo una forte crescita. Ora anche l’esordio in serie B. In due gare hai dimostrato di valerla. Forse questa è la categoria che più ti si addice.

Sono partito dalla serie D 8 anni fa. Ho giocato in ogni categoria, e sono molto contento per l’inizio del campionato, sia per me che per la squadra. Abbiamo dimostrato di giocarcela con tutti.

A Latina due punti persi o un punto guadagnato?

Sono del parere che fuori casa è sempre un punto guadagnato. Anche se nel primo tempo potevamo fare un altro goal. Loro però hanno avuto una grande reazione. Quindi credo che alla fine sia un punto guadagnato.

Il 3-5-2 di Rastelli ha dimostrato di essere il modulo più consono a questa categoria.

Credo non ci sia un modulo per la categoria. Penso che il nostro esalti le qualità della squadra. A me piace molto e sono convinto che possiamo divertirci.

E’ arrivato Abero. Sarà un’Avellino sempre più offensivo. Ciò comporta un aumento di lavoro per te, D’Angelo e gli altri per bilanciare gli equilibri della squadra.

In questa squadra si sacrificano tutti, altrimenti non arriveremmo a fare determinate partite e certi risultati. I primi che ci danno una grande mano sono proprio.

Con Togni in mezzo al campo la squadra ha più qualità. A Latina invece il centrocampo era improntato più a distruggere il gioco avversario.

Togni è un calciatore fondamentale per il nostro gioco. A Latina abbiamo interpretato la gara in modo diverso per la sua assenza. Ovviamente, la nostra manovra senza di lui ne risente.

Ci dobbiamo aspettare un Avellino formato trasferta come quello di Latina o un Avellino che creerà di più con Togni in mediana?

Ogni partita è diversa dall’altra. Ogni incontro va preparato in modo diverso. Non credo ci sia un formato trasferta o un formato casalingo. Ogni partita va interpretata a seconda dell’avversario.

La Ternana ha lo stesso modulo dell’Avellino.

Si, anche loro dovrebbero giocare con il 3-5-2. Noi pensiamo a prepararci bene. L’avversario va studiato bene, ma ciò che conta è il nostro approccio alla partita.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button