Biancolino, il “Pitone” nella manica di Rastelli

Ancora una volta Massimo Rastelli ha preso in contropiede tutti al momento di comunicare gli undici che avrebbe mandato in campo. La scelta di schierare dal primo minuto Raffaele Biancolino è stata la vera novità nel pomeriggio del “Partenio – Lombardi”. Prima della gara con le rondinelle, il “Pitone” aveva collezionato centottanta sei  minuti con zero realizzazioni. Al cospetto del Brescia, Rastelli ha voluto riproporre il tandem con Castaldo che la passata stagione ha regalato la promozione in cadetteria. Il calciatore di Capodichino non ha demeritato contro la squadra di Iaconi. L’avvio, a dirla tutta, non è stato dei migliori. Tanto movimento sul fronte d’attacco, il duello incrociato con Massimo Paci, uno dei difensori più esperti della categoria. Il primo sussulto per Raffaele è arrivato sul finire del primo tempo: ricezione di palla, tentativo di tiro dalla distanza e deviazione della difesa con conseguente calcio d’angolo. Nelle prime battute della seconda parte di gara la punta napoletana avrebbe anche l’opportunità di timbrare il cartellino ma la sua girata è imprecisa e la palla finisce fuori. Impegno, sacrificio e l’immancabile desiderio di voler gonfiare la rete hanno contraddistinto la prestazione di Biancolino, applaudito dal pubblico quando ha lasciato il campo e accomodarsi in panchina. Sembrano lontani i tempi del celebre e polemico tweet al veleno verso Rastelli che lo stesso giocatore  aveva reso noto il 19 dicembre, il giorno dopo la sconfitta dell’Avellino in Coppa Italia allo “Juventus Stadium” di Torino. Col passare delle settimane è ritornato il sereno tra il tecnico di Torre del Greco e l’attaccante ex Catanzaro. Un rapporto di fiducia rinato in questo girone di ritorno in cui Biancolino è subentrato per ben cinque volte a partita in corso così come avvenuto nelle sfide con Latina, Ternana, Lanciano, Bari e Siena. L’esperienza, il cosiddetto “mestiere”, la voglia di infiammare i suoi beniamini sono state le qualità che hanno spinto il suo allenatore a concedere la vetrina a chi si è fatto conoscere nella piazza avellinese cinquantadue  gol realizzati in centonove partite disputate con la maglia biancoverde. Mancano otto partite al termine della stagione. Ma Rastelli e Biancolino sono pronti, e c’è da aspettarselo, a sorprendere di nuovo tutti.

Leggi anche

Scandone, che batosta: Cassino domina e vince 61-94

Non ci poteva essere modo peggiore per concludere questo girone di andata: Cassino domina in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.