Criscitiello: “La B non partirà, e la legge 280/2003 sarà un guaio per la FIGC”

[Fonte: TuttoB] Ha vinto le elezioni ma è finito subito nel burrone, il nuovo Presidente Federale, Carlo Tavecchio. Spinto, sponsorizzato (forse troppo) e nelle mani di Lotito, Tavecchio è sotto inchiesta della Fifa e rischia di subìre un maxi risarcimento per danni senza eguali per la Figc. La trappola è la serie B e la buccia di banana gli è stata gettata dal Presidente della Lega di B, Andrea Abodi. Della vicenda ne ha parlato a Sportitalia, il Direttore Michele Criscitiello che continua a portare elementi nella querelle tra la Federazione e il Coni. “Lunedì la Figc ha commesso un errore da dilettanti, vecchia Lega di Tav – esordisce Criscitiello- Non può essere sconfessato un ente statale da un privato. Il Coni è lo Stato e la Federazione, come da ordinanza del Collegio di Garanzia doveva solo eseguire. Se l’ON. Frattini ha detto che non possono essere usati i criteri di ripescaggio della 171/A tu Federazione non puoi crederti onnipotente ed ignorare quanto detto dal Coni. Malagò deve far rispettare la voce dello Sport italiano che è più importante di un tavolo di Federazione. Tavecchio – continua Criscitiello- dovrebbe chiedere ai suoi legali Gentile e Medugno, quest’ultimo puntualmente e costantemente affiancato dalla collega Mazzarelli, cosa rischia la Federazione. C’è una legge, la 280 del 2003 che disciplina i rapporti tra ordinamento sportivo e ordinamento statale. Non ci sono i presupposti e i tempi per far partire regolarmente il campionato di serie B. Inoltre non potevano essere stilati i calendari del campionato cadetto con una causa in corso. Il Coni aveva indicato la strada, ti aveva regalato un navigatore e la Figc ha fatto volutamente e provocatoriamente di testa sua. Ora la palla torna al Coni che, naturalmente, non può sconfessare quanto scritto chiaramente 10 giorni fa. Le società sportive sono vere e proprie società per azioni, quindi il problema non è solo di natura sportiva ma di natura giuridico-finanziaria e deve intervenire lo Stato. Inutile che Pisa, Juve Stabia e Catanzaro facciano il calcolo sui criteri della 171/A. Quei criteri non sono ammessi dal Collegio di Garanzia del Coni”. Criscitiello chiude con una battuta: “Da una B a 21 ad una B a 23 con rinvio iniziale del campionato. Sarebbe il primo grande passo falso per il Presidente Tavecchio”.

 

Check Also

Scandone – Sant’Antimo, le pagelle: Sousa e Brunetti sugli scudi.

Le pagelle della vittoria sul filo di lana di Avelino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.