SERIE B

Criscitiello: “La B non partirà, e la legge 280/2003 sarà un guaio per la FIGC”

[Fonte: TuttoB] Ha vinto le elezioni ma è finito subito nel burrone, il nuovo Presidente Federale, Carlo Tavecchio. Spinto, sponsorizzato (forse troppo) e nelle mani di Lotito, Tavecchio è sotto inchiesta della Fifa e rischia di subìre un maxi risarcimento per danni senza eguali per la Figc. La trappola è la serie B e la buccia di banana gli è stata gettata dal Presidente della Lega di B, Andrea Abodi. Della vicenda ne ha parlato a Sportitalia, il Direttore Michele Criscitiello che continua a portare elementi nella querelle tra la Federazione e il Coni. “Lunedì la Figc ha commesso un errore da dilettanti, vecchia Lega di Tav – esordisce Criscitiello- Non può essere sconfessato un ente statale da un privato. Il Coni è lo Stato e la Federazione, come da ordinanza del Collegio di Garanzia doveva solo eseguire. Se l’ON. Frattini ha detto che non possono essere usati i criteri di ripescaggio della 171/A tu Federazione non puoi crederti onnipotente ed ignorare quanto detto dal Coni. Malagò deve far rispettare la voce dello Sport italiano che è più importante di un tavolo di Federazione. Tavecchio – continua Criscitiello- dovrebbe chiedere ai suoi legali Gentile e Medugno, quest’ultimo puntualmente e costantemente affiancato dalla collega Mazzarelli, cosa rischia la Federazione. C’è una legge, la 280 del 2003 che disciplina i rapporti tra ordinamento sportivo e ordinamento statale. Non ci sono i presupposti e i tempi per far partire regolarmente il campionato di serie B. Inoltre non potevano essere stilati i calendari del campionato cadetto con una causa in corso. Il Coni aveva indicato la strada, ti aveva regalato un navigatore e la Figc ha fatto volutamente e provocatoriamente di testa sua. Ora la palla torna al Coni che, naturalmente, non può sconfessare quanto scritto chiaramente 10 giorni fa. Le società sportive sono vere e proprie società per azioni, quindi il problema non è solo di natura sportiva ma di natura giuridico-finanziaria e deve intervenire lo Stato. Inutile che Pisa, Juve Stabia e Catanzaro facciano il calcolo sui criteri della 171/A. Quei criteri non sono ammessi dal Collegio di Garanzia del Coni”. Criscitiello chiude con una battuta: “Da una B a 21 ad una B a 23 con rinvio iniziale del campionato. Sarebbe il primo grande passo falso per il Presidente Tavecchio”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button