Le pagelle di Avellino-Carpi. Galabinov trascinatore

Terracciano 6,5 – L’ex Catania non si sporca tanto i guanti visto che il Capri non crea grattacapi. Decisivo al 27′ su un tiro di Memushaj. Nel ripresa sbarra la porta ad un colpo di testa di Pesoli. Al 34′ del secondo tempo non può nulla sul gol di Porcari. Certezza

Izzo 7 – Lo scugnizzo è sempre elegante negli interventi. Poche sono le sbavature da segnalare. Armando presta sempre molta attenzione alla fase di copertura. Qualità

Pisacane 7 – Chiude bene tutti gli spazi. Non si fa mai trovare impreparato. Blocca costantemente le sortite di Sgrigna e soci. Bulldog 

Peccarisi 7 – Schierato al posto di Fabbro, di certo non fa rimpiangere il numero 6 dei lupi. Con lui in difesa c’è l’esperienza giusta. Chiude bene gli spazi e imposta in maniera egregia. Rambo

Zappacosta 7,5 – Il pendolino biancoverde cresce giorno dopo giorno. Sulla fascia destra svaria senza mai stancarsi. L’Under21 gli da la carica. Speedy Gonzales

D’Angelo 8 – Ci ha preso gusto a segnare. Il gol di ieri è il secondo per il Gladiatore di Ascea. Si propone in avanti, corre e lotta; sfiora addirittura il raddoppio. Spartano

Arini 7 – La sua assenza in quel di Siena si è sentita. Prestazione maiuscola contro il Carpi. Lotta e crea senza concedere nulla ai ragazzi di Vecchi.  Lottatore

Schiavon 7 – Grande prova di generosità. Corre senza mai accusare stanchezza. Il classe ’83 cerca il gol ma per questo frangente di stagione continua ad essere sfortunato. Scarface

Bittante 5,5 – Prova in ombra da parte dell’ex Viola. Luca spinge ma è un po macchinoso e scoordinato. Da rivedere

Castaldo 7,5- Si rende protagonista disegnando l’assist per il primo gol di Galabinov. Si carica la squadra sulle spalle e fa a sportellate con i biancorossi. Sfortunato non trova il gol, ma di certo quando è in campo la sua presenza si sente e come. Carro armato

Galabinov  8.5 – Per mettere a tacere tutti i suoi detrattori impiega nemmeno 60 secondi. Per esaltare la folla con la sua prima doppietta in maglia biancoverde ci mette più o meno mezz’ora. Devastante. Imprendibile. Immarcabile. E ancora non è al top della forma. In paurosa crescita. WAR MACHINE !!!

Soncin 7 – Sciupa due occasioni da gol. L’ex Ascoli cerca più volte il gol e finalmente nel finale riesce a mordere realizzando la prima perla stagionale. Il ritorno del Cobra

Millesi S.v 

Angiulli S.v

 

Leggi anche

Scandone che beffa! Rimonta e controrimonta: vince Salerno 85-79

Avellino sciupa un vantaggio a pochi secondi dalla fine, regalando la vittoria alla Virtus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.