Serie B: finisce in parità il big match tra Carpi e Frosinone

Carpi e Frosinone pareggiano nel big match della 16esima giornata, lo Spezia cade sul campo del Trapani in un finale rocambolesco e si vede raggiungere dagli stessi siciliani oltre che da Livorno e Avellino. A Crotone è Granoche show: 4 reti e vittoria per il Modena. Non cambia quasi nulla in vetta alla serie B, con l’attesa sfida del “Cabassi” che si chiude senza reti anche se ai punti la formazione di Stellone avrebbe meritato qualcosina di più (traversa per Soddimo), con la capolista che rischia grosso nel finale, quando resta in dieci per il secondo giallo a Mbaye. Gara incredibile al “Provinciale”: Spezia avanti con un rigore di Catellani, la squadra di Boscaglia ribalta tutto fra il 39′ e il 42′ della ripresa con Barillà e Nadarevic ma al terzo di minuto di recupero ecco il pari degli ospiti con una magistrale punizione di Brezovac. Tutto finito? Nemmeno per sogno perchè due minuti dopo Migliore commette un ingenuo fallo da rigore su Citro, Terlizzi va sul dischetto (Mancosu assente) e non sbaglia per il definitivo 3-2. Il Trapani, come detto, raggiunge così lo Spezia al terzo posto, in compagnia di Livorno e Avellino. Gli amaranto, privi di Siligardi, impattano 0-0 contro il Perugia: un legno a testa e clamorosa chance sprecata da Vantaggiato da due passi nella ripresa. Stesso risultato per gli irpini a Chiavari, con la Virtus Entella che torna a muovere la classifica dopo due sconfitte di fila. I liguri si staccano di due punti dall’ultimo posto, condiviso da Crotone, Latina e Cittadella. La squadra di Drago va vicina al gol su punizione con Ciano, poi crolla sotto i colpi di Granoche: poker per El Diablo (la prima rete però con la complicità di Bajza), che balza al comando della classifica cannonieri con 12 reti ma grande merito anche a Nizzetto, sempre in versione assist-man. In mezzo l’espulsione di De Giorgio per un brutto fallo sullo scatenato Granoche e il rigore trasformato da Ciano per il provvisorio 1-2. Punto che sa di impresa per il Cittadella, che resiste per un tempo in 9 contro 11 col Brescia. Al 18′ fallo di Pellizzer su Benali, rosso e rigore trasformato dal solito Caracciolo, poi Coralli pareggia con un gran destro dal limite e nel finale di tempo arriva il secondo giallo per Benedetti. Ma anche stavolta le Rondinelle non riescono ad approfittare della superiorità numerica. Pari prezioso anche per il Latina: la Pro Vercelli sfiora più volte il gol (palo clamoroso di Ferri), passa finalmente con Beretta ma si fa agguantare da Paolucci. Continua la risalita del Vicenza di Pasquale Marino (3 vittorie e un pareggio nelle ultime 4 fare) che espugna Varese per 3-2 con le firme di Giacomelli, Cocco e Laverone mentre si interrompe a Terni la mini-striscia positiva del Catania: Leto si fa espellere per proteste al 10′ della ripresa e quattro minuti dopo arriva il gol-vittoria di Avenatti, pescato da Crecco. Domani il posticipo fra Bologna e Bari, con le due squadre che indosseranno prima della gara una t-shirt in memoria di Klas Ingesson, il gigante svedese recentemente scomparso e protagonista sia in rossoblù che in biancorosso.

Leggi anche

Scandone che beffa! Rimonta e controrimonta: vince Salerno 85-79

Avellino sciupa un vantaggio a pochi secondi dalla fine, regalando la vittoria alla Virtus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.