La testa di Comi regala il primo posto in classifica ai lupi. Carpi ko

La seconda rete in campionato di Gianmario Comi regala il terzo successo casalingo stagionale dell’Avellino e il momentaneo primo posto in classifica in attesa del posticipo tra Perugia e Frosinone . I lupi superano anche il Carpi che esce ancora una volta sconfitto dal “Partenio – Lombardi”.

AVELLINO (4-4-2): Gomis; Pisacane, Ely, Chiosa, Visconti; Bittante, Schiavon (33’st Angeli), Kone (66’st Arini), Zito; Castaldo 885’st Arrighni), Comi

A disp.: Frattali, Petricciuolo, Pozzebon, Soumare, Vergara, Angeli, Filkor. All.: Rastelli

 

Carpi (3-4-3): Gabriel; Poli, Suagher, Romagnoli; Letizia (66’st Gatti) , Lollo, Porcari (78’st Inglese), Gagliolo; Di Gaudio (73’ st Lasagna), Mbakogu, Pasciuti.

A disp.: Maurantonio, Sabbione, Concas,  Mbaje, Ricci, Embalo All.: Castori

 

Arbitro: Manganiello di Pinerolo

 

Reti: 31’pt Comi (A),

 

Ammoniti: 41’pt Lollo (C), 11’st Porcari (C), 89’ Arini (A)

 

Rastelli conferma alcune delle indiscrezioni della vigilia rispolverando in difesa Marco Chiosa che vince il ballottaggio con Vergara. Il tecnico di Torre del Greco opta per il 4-4-2 con Visconti sulla corsia sinistra a coprire Zito. In attacco confermato il tandem Castaldo – Comi. Tra le fila del Carpi Castori, rispetto al match con la Pro Vercelli, deve fare a meno dell’indisponibile Bianco. Le novità sono l’impiego di Gagliolo a centrocampo e di Suagher nel trio difensivo insieme a Poli e Romagnoli. Avvio equilibrato nei primi cinque minuti di gioco con entrambe le sfidanti che cercano subito la conclusione ma con esito negativo: prima Letizia con uno sbilenco sinistro al volo che termina alto sopra  la traversa; risposta con pari moneta di Visconti che termina a lato. Il Carpi prova ad alzare il baricentro offensivo facendosi vedere in paio di circostanze dalle parti di Gomis ma la formazione biancorossa pecca in tutti e due i casi in fase di tiro. L’Avellino fa buona guardia di fronte alle prevedibili ripartenze del Carpi che è bravo a chiudere gli spazi dinanzi alla manovra ragionata biancoverde che non riesce a creare una vera e propria occasione da rete nei primi 20’ di gara, ad eccezione della stoccata di Castaldo dal limite dell’area che non centra lo specchio della porta. Il vero brivido del match arriva al 23’ con la punizione di Zito dal vertice dell’area sinistra che trova la testa di Ely ma il pallone si stampa sul palo alla sinistra di Vasconcelos. Il vantaggio dei lupi è nell’aria ed arriva al 31’: traversone di Visconti in area dove Comi salta più in alto di tutti, favorito da un’uscita a vuoto di Vasconcelos, e spedisce la palla in fondo al sacco. Seconda rete in campionato per l’ex punta del Novara.  Il prodotto del vivaio è scatenato e dopo qualche istante sfiora la doppietta su suggerimento di Bittante. Al 41’ Zito vince un rimpallo contro Letizia ma l’ex Ternana sbaglia i tempi del passaggio favorendo il recupero di Poli. Ad 1’ dalla fine della prima frazione il Carpi conferma la nomea di squadra pericolosa nelle ripartenze con Di Gaudio che scappa letteralmente in contropiede ma sbatte contro Gomis che in uscita  è bravo a chiudere lo specchio della porta. Nessun cambio dopo il break  di metà gara. Zito ci  prova dopo 2’ ma non inquadra la porta. Qualche brivido al 52’ lo crea il sinistro di Di Gaudio ma Gomis è sulla traiettoria della sfera. Gli ospiti aumentano la pressione in attacco. Brividi al “Partenio – Lombardi” quando in due occasioni Ely sbaglia il disimpegno costringendo Gomis agli straordinari. Il portiere ex Crotone è impeccabile prima sul tiro (deviato in angolo) di un anonimo Mbakogu e all’ 82’ su una percussione in area di rigore di Inglese, che dopo aver vinto un paio di rimpalli, calcia a botta sicura in porta ma Gomis dice no e recupera la sfera. A cinque giri di lancette dalla fine Rastelli concede la vetrina ad Arrighini che prende il posto di Castaldo. Nei quattro minuti di recupero l’Avellino respinge gli assalti  del Carpi e al triplice fischio finale può festeggiare l’ennesima gioia di questo primo scorcio di stagione.

Leggi anche

Scandone che beffa! Rimonta e controrimonta: vince Salerno 85-79

Avellino sciupa un vantaggio a pochi secondi dalla fine, regalando la vittoria alla Virtus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.