US AVELLINO

Mercato Avellino – Focus difensori: pochi punti fermi, rivoluzione in vista

Le manovre dei lupi per il pacchetto dei difensori

Il mercato deve ancora aprire ufficialmente i battenti, ma l’Avellino sta già impostando la propria strategia in vista delle prossime settimane. Il diesse De Vito è al lavoro per consegnare un organico giovane e affamato al nuovo tecnico Taurino, ragionando a 360° su tutti i ruoli.

Analizziamo, dunque, reparto per reparto, il piano che i biancoverdi hanno in mente di attuare.

DIFENSORI

Non sempre i piani di mercato si traducono in atto, ma di sicuro per quanto riguarda il reparto difensivo l’idea dell’Avellino è quella di rivoluzionare. Un po’ per scelta tecnica, un po’ per i contratti onerosi, i lupi vogliono radicalmente modificare l’assetto della difesa, confermando solo pochi elementi. Nello specifico, l’intento è quello di ripartire da Dossena e Bove. Sul primo è forte l’interesse del Frosinone, che lo ha messo in cima alla lista, ma per ora De Vito vuole resistere e dice no all’avanzata dei ciociari.

Per il resto, il reparto difensivo dei lupi è totalmente da rifare. Serve dunque liberarsi di tutti i calciatori che non rientrano nel progetto: non sarà semplice, soprattutto per chi ha contratti lunghi. Tra le questioni più spinose c’è sicuramente quella di Silvestri (2024). Per il difensore palermitano non mancano le pretendenti, ma va trovata la quadra che soddisfi tutte le parti in causa. Discorso simile per Tito (2024), mentre dovrebbe essere più semplice separarsi da Ciancio e Scognamiglio. I due hanno il contratto in scadenza tra un anno e la rescissione con buonuscita potrebbe essere la chiave. Da piazzare anche Mignanelli e Sbraga.

Solo dopo aver liberato spazio in organico, si potrà pensare agli innesti. Numeri alla mano, per la difesa a tre di Taurino servirebbero i due braccetti da affiancare a Dossena e due alternative per la panchina, da aggiungere alla presenza di Bove. Almeno due innesti su quattro saranno over, mentre per le altre due caselle occhio ai giovani provenienti dalle formazioni Primavera.

Articoli correlati

Back to top button