US AVELLINO

Presidente D’Agostino: “Avevo già la fideiussione per la B, faccio promesse che posso mantenere”

Ecco cosa ha detto il presidente del club avellinese

Nella conferenza stampa tenutasi presso i giardini di Villa Solimena ad Avellino, il numero uno del sodalizio irpino, Angelo Antonio D’Agostino, ha tirato le somme sul campionato appena terminato, ed ha fatto il punto della situazione in vista della prossima stagione.

Sapete tutti come stavamo poco più di un anno fa. Siamo partiti in ritardo e con tanti problemi, l’Us Avellino non esisteva e non aveva neanche un calciatore un anno fa. Abbiamo lavorato tanto e bene. L’Avellino è un patrimonio dell’intera provincia, gioie e dolori vanno condivisi con tutti. In parte ciò che avevamo previsto è riuscito. Possiamo ancora migliorare tanto, abbiamo fatto credo un ottimo campionato. Per poco potevamo fare bottino pieno. Dopo la sconfitta con il Padova, io ho già voltato pagina e pensato al prossimo campionato. Stiamo facendo tutte le attività per l’iscrizione al campionato. Ho già preparato la fideiussione, anche se avevo già preparato la fideiussione per la Serie B, ma ho dovuto fare marcia indietro. Non abbiamo niente da recriminarci e vogliamo continuare così. Non possiamo stabilire noi se vincere il campionato. Il calcio non è una scienza esatta. Se l’anno scorso non c’era la Ternana noi giocavamo per il primo posto. Dobbiamo fare delle promesse che possiamo mantenere, dobbiamo essere seri nei confronti di tutti. Faremo il massimo. Allestire una squadra in C ci richiede molti sforzi. Noi dobbiamo scappare quanto prima da questa categoria. Allestire una squadra in B costa meno che farla in C in una piazza come Avellino”. 

Su i rinnovi del mister e del direttore sportivo:Ho voluto dare continuità al progetto nato un anno fa insieme a Braglia e Di Somma. La conferma loro è stata doverosa da parte nostra, squadra che vince non si cambia. Quando le idee sono chiare ci vuole poco per decidere, era giusto continuare insieme. Noi abbiamo in testa un progetto a breve termine. Diciamo che allestiremo una squadra per fare meglio, sulle cose fatte qualche errore va corretto. Possiamo raggiungere obiettivi importanti”.

Sulla campagna abbonamenti:Al momento abbiamo solo 1000 tifosi che possono entrare, sono ben lieto di programmare la campagna abbonamenti. Mi auguro che quest’anno possano tornare i tifosi allo stadio”

Sul ritiro:Noi ci stiamo organizzando, da stasera abbiamo consacrato i nostri maestri. Abbiamo già qualche idea, poi tocca a mister e direttore decidere”.

Sullo stadio:Lo stadio ha la sua procedura e non può incidere sul percorso sportivo dell’Avellino. Speriamo con l’iter amministrativo che si velocizzi un po’. Spero di andare in B e giocare fuori, ma sempre in provincia. Come detto tutto dipende dal tempo delle autorizzazioni”.

Sul prossimo campionato di Serie C:È un girone molto duro, si aggiungono anche Messina, Taranto e forse il Pescara. Anche loro devono aver paura di noi. Ci attrezzeremo per combattere e competere con qualsiasi piazza. Sarà un dispendio economico”.

Sul mercato: “Dobbiamo migliorare nei reparti dove abbiamo carenze”.

Articoli correlati

Back to top button