Calcio Avellino – Una provincia unita contro la società: tutti gli striscioni di protesta

Calcio Avellino – Una provincia unita contro la società: tutti gli striscioni di protesta

In tre giorni è successo di tutto. Dalla città capoluogo alla provincia: tutti gli striscioni di dissenso aperto contro l’operato di una società incapace di prendere decisioni nei momenti più importanti

Commenta per primo!

Assediati. Si, è proprio il caso di dirlo. Taccone e Gubitosa sono assediati dal malumore di una piazza che si sente presa in giro da una società inerme incapace di dare una svolta ad una stagione semplicemente scandalosa. A condire il disappunto galoppante continuano ad arrivare le dichiarazioni poco felici di un Walter Taccone ormai quasi allo stremo. Mette in vendita l’Avellino e fissa il prezzomentre Gubitosa si becca in solitario le offese e anche le aggressioni (sbagliate e lo aggiungiamo noi ndr) di tifosi inviperiti. La società non esonera Toscano. Sarebbe bastato un segnale alla piazza per cambiare e arrivano altre dichiarazioni infelici del patron. Una intera provincia in rivolta e dopo Serino, questa volta i messaggi di disappunto arrivano da altri paesi della provincia. Taccone e Gubitosa sono circondati. E domani arriva il Pisa in un clima quasi surreale dove la Sud concederà una tregua per appoggiare la squadra e condurla alla vittoria con un tifo che si annuncia infernale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy