La salvezza passa anche per Formia, Scandone Avellino all’esame Meta

La salvezza passa anche per Formia, Scandone Avellino all’esame Meta

Terza gara in sette giorni per i lupi alla ricerca del terzo acuto consecutivo

di Redazione Sport Avellino

Terza gara in sette giorni per la Scandone Avellino che questo pomeriggio alle ore 18:00 sarà di scena al palasport “Paolo Borrelli” di Minturno dove ad attenderla ci sarà la Meta Formia. Nel palazzetto dove il 29 settembre scorso è iniziata l’avventura in serie B dei biancoverdi andrà di scena un delicato scontro salvezza per la compagine allenata da coach Gianluca De Gennaro. Irpini e laziali, infatti, sono appaiati a quota sei punti in classifica con un margine leggermente rassicurante sulle ultime della classe (Cassino e Scauri) ma non al punto di concedersi passi nell’appuntamento odierno che sarà valido per l’undicesima giornata del girone D.

Avellino si presenta a quest’appuntamento forte del doppio successo ottenuto nelle ultime due uscite casalinghe, rispettivamente contro la Virtus Cassino e l’Adriatica Industriale Corato nel recupero della settima giornata giocatosi mercoledì sera nel palazzetto di contrada Zoccolari. C’è fiducia fra Locci e compagni che da alcune settimane a questa parte hanno evidenziato dei miglioramenti nel gioco espresso sul parquet ma manca ancora la prima vittoria in trasferta. L’occasione è ghiotta quella rappresentata dall’impegno contro una compagine reduce da un cammino in salita condito da una sola vittoria nelle ultime sei apparizioni in stagione regolare. Formia di fatti è riuscita ad imporsi soltanto contro la Virtus Cassino seppur di misura col punteggio finale di 80-78.

“Dobbiamo dar seguito alla prestazione di mercoledì. Certo, è più facile giocare davanti al pubblico amico: ma in trasferta dobbiamo cercare di essere più autoritari. A Sant’Antimo e Nardò abbiamo dato vita a due buone prestazioni, ma abbiamo pagato gli errori. Contro Formia dovremo essere perfetti”. Il concetto espresso da coach Gianluca De Gennaro nel presentare la partita spiega bene che tipo di prestazione dovrà offrire questo pomeriggio la Scandone se vorrà compiere un altro passo avanti in graduatoria. La Meta  farà del quintetto base la principale arma per strappare i due punti in palio. La bocca da fuoco per Formia porta il nome di Andrea Longobardi, ala – centro classe 1994, che garantisce 20,3 punti di media conditi da 6,2 rimbalzi e due assist in un impiego di trentaquattro minuti ad ogni allacciata di scarpe. A fare da spalla c’è la guardia Mirko Gentili con 13,5 punti. I prossimi avversari della Scandone, inoltre, possono beneficiare del migliore assist man del girone con Giovanni Coronini autore di 5,2 passaggi vincenti. Elementi temibili contro cui servirà una prova di grande concentrazione per i biancoverdi come a lunghi tratti avvenuto nel match contro Corato che sette giorni aveva avuto la meglio proprio contro Formia per 75-63 tirando col 53% da due punti e forzando diciotto palle perse al team di coach Fabio Lico che tra gli elementi a disposizione in panchina potrà schierare l’ex Gianluca De Meo fino allo scorso anno in quota agli irpini. “Dobbiamo andare lì a fare la nostra partita, tenendo un ritmo alto. Serve la stessa aggressività difensiva di mercoledì. Mi aspetto che i ragazzi arrivino concentrati, limitando quegli errori che, mano mano, stiamo cercando di eliminare” è il monito di coach De Gennaro. La partita sarà arbitrata da signori De Bernardi e Berger.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy