Avellino, il patron: “Stadio nuovo? Ci pensiamo. Recompra? Il rischio c’è”

“La recompra in favore della Sidigas? Un minimo di rischio c’è. Magari noi organizziamo tutto, poi arriva la Sidigas e si riprende la società. Ma non mi spaventa più di tanto”: così Angelo Antonio D’Agostino

di Redazione Sport Avellino

“Una società che si pone obiettivi importanti deve pensare anche a uno stadio all’altezza, pensiamo a uno stadio di proprietà e a migliorare, nel frattempo, il Partenio-Lombardi. Per un nuovo Stadio ci arriveremo per gradi, prima però siamo tenuti a migliorare questo. A renderlo efficiente e più confortevole. Il sogno sarebbe naturalmente vederlo pieno. Ma ci arriveremo piano piano. La gente va conquistata. Abbiamo pensato al nuovo stadio. Una bozza di idea ce l’abbiamo ma prima dobbiamo conquistare risultati sul campo. Diciamo che non è proprio una priorità ma un sogno nel cassetto”. D’Agostino poi si sofferma sul diritto di recompra a favore della Sidigas. “La recompra in favore della Sidigas? Un minimo di rischio c’è. Magari noi organizziamo tutto, poi arriva la Sidigas e si riprende la società. Ma non mi spaventa più di tanto. Sono abituato a guardare avanti. C’è un diritto di recompra regolamentato in atti pubblici e strappato a chi ha rilevato la società prima di noi. Non sono preoccupato. Voglio solo investire e fare le cose per bene”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy