Caso Parma – Bargiggia: “Uno sgorbio giuridico per salvare capra e cavoli”

Paolo Bargiggia, noto giornalista televisivo, nonché autore sul sito de il Primato Nazionale, affronta il tempo Parma evidenziando la mano morbida delle sentenza nei confronti del club ducale: “Uno sgorbio giuridico per salvare capra e cavoli quello del Tribunale Federale che ha sanzionato il Parma con 5 punti di penalizzazione mantenendolo però in serie A” 

Il discorso del giornalista è amplio, oltre che ad evidenziare le motivazioni che lo portano a definire questa una “sentenza morbida”, la sua preoccupazione risiede che una sentenza simile possa nient altro che creare altri casi, tanto la pena è minima: “la voglia di riprovarci da parte di qualche club in corsa per la seria A diventerebbe fortissima; in fin dei conti, i 40-50 milioni di introiti derivanti dalla promozione nella massima serie, forse valgono bene qualche punticino di penalizzazione.” Un osservazione giusta, più che giustificata, dato che il calcio italiano negli ultimi anni è stato protagonista di numerosi processi per presunte partite combinate, basti ricorda i Treni del Goal, che costarono caro al Catania, il processo Money Gate che interessò l’Avellino ed il Catanzaro (si concluse con l’assoluzione di entrambe le società).

Il discorso di Bargiggia si conclude con un breve passaggio sulle dimissioni di Cataldi, il Super Procuratore Federale, chiamato e voluto da Malagò per riformare la giustizia sportiva, ma che nei giorni scorsi, come vi abbiamo raccontato, ha rimesso il suo incarico per via dell’azione di lobbying delle federazione per inficiare la giustizia sportiva: “Detto da un altissimo servitore dello Stato, seppur in riferimento a vicende riguardanti la federazione danza, è un grido di allarme certamente da non sottovalutare.”

Leggi anche

Scandone, a Formia l’ultimo precedente non sorride ai lupi

Meta Formia e Scandone Avellino a distanza di poco più di un anno (era il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.