Rovesciata, che magia! Fella nel solco della tradizione biancoverde

Ripercorriamo le più belle rovesciate della storia biancoverde

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

Un gol in rovesciata è il massimo della bellezza artistica applicabile ad un campo di calcio. Acrobazia e genio, tempismo e coordinazione si uniscono in un gesto tecnico che non ha pari nella storia del gioco. La magia siglata ieri da Fella non è bastata per ottenere una vittoria, anzi è stata macchiata dalla sconfitta, ma ha deliziato gli occhi dei tifosi. E ha rievocato vecchi ricordi, inserendosi nel solco di una tradizione biancoverde da sempre affine a magie simili. Ripercorriamo di seguito la lista delle 4 rovesciate più belle nella storia recente del lupo!

Stagione 1985-86, PAOLO BENEDETTI – Avellino-Inter 1-0

19 gennaio 1986. Sotto la pioggia battente del “Partenio”, come d’incanto Benedetti si inventa la giocata della domenica e sigla il gol decisivo contro l’Inter di Altobelli. Agostinelli va via sulla fascia, salta un paio di uomini e crossa al centro. Benedetti è marcato da Bergomi, ma cerca la giocata – suo tratto distintivo – e beffa così Zenga. Si tratta probabilmente del gol più bello realizzato in A dai lupi.

Stagione 1994-95, SALVATORE FRESTA – Avellino-Nola 2-1

Tra le magie della recente storia biancoverde non poteva mancare il genio di Totò Fresta. Nel derby con il Nola fu infatti proprio una sua rovesciata a decidere l’incontro, completando l’ennesima rimonta di quella stagione. Mimmo Cecere – allora portiere del Nola – esce in maniera azzardata, rimessa per i lupi e colpo di nuca di Provitali. In mezzo c’è Fresta, che come un falco si fionda sul pallone e segna in rovesciata. Chapeau.

Stagione 2013-14, LUIGI CASTALDO – Ternana-Avellino 2-2

Nella stagione del ritorno in B, dopo poco più di un mese in campionato, l’Avellino si regala subito un momento magico. Sotto 1-0 al “Liberati” di Terni, ad inizio ripresa Castaldo libera il suo genio e pareggia. Masi allontana di testa, Bittante la rimette dentro e Castaldo raccoglie di petto. Da lì il 10 si inventa una rovesciata senza senso e dagli 8 metri batte Brignoli. Gemma meravigliosa, il gol più bello della carriera di Castaldo.

Stagione 2020-21, GIUSEPPE FELLA, Avellino-Catanzaro 1-3

Ultima, ma non per bellezza, la rovesciata di ieri di Peppe Fella. Bernardotto tiene palla e resiste alla carica degli avversari, Santaniello la mette dentro di gran classe. Fella è bravissimo, si coordina in un baleno e batte Branduani con una rovesciata da applausi. Il gol è inutile ai fini del risultato, ma che splendore! Magia degna della grande tradizione biancoverde.

https://fb.watch/1EM5oN60Wi/

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy