Calciomercato – La denuncia del patron della Pro Vercelli: “Ora basta, non se ne può più”

Calciomercato – La denuncia del patron della Pro Vercelli: “Ora basta, non se ne può più”

Massimo Secondo, presidente della Pro, d’accordo con il dg della Juventus Marotta. “Chiudere il mercato il 31 luglio. E’ un gioco al massacro. Ora basta”

di Michelangelo Freda, @m_freda21

Si è chiuso da poco più di 24 ore il calciomercato e già sorgono nuove polemiche. Ieri nella conferenza stampa di chiusura del mercato, il presidente della Pro Vercelli Massimo Secondo ha espresso il proprio sdegno per l’attuale funzionamento della finestra di mercato: “Sono d’accordo con Marotta quando dice che sarebbe meglio chiudere la finestra il 31 luglio perché giocare con il mercato aperto non è mai positivo e tutti attendono sempre la fine. Abbiamo messo assieme un gruppo importante e cambiato molto perché abbiamo avuto la fortuna di lanciare giocatori che sono finiti in grandi squadre.”

Una polemica che coinvolge più voce del calcio internazionale, evidenziando come sia stressante aver un calciomercato cosi lungo e come possa destabilizzare l’ambiente. Il tutto venne deciso dalla FIFA per rendere il calcio mercato una finestra globale più o meno uguale in tutti gli stati.

Questione sollevata dal direttore sportivo della Juventus Marotta, che pochi giorni fa sulle colonne de la Gazzetta dello Sport, il quale ha definito il calciomercato come “logorante, simile ad un circo ad un bar” evidenziando come la seconda gara di campionato di giochi con trattative ancora aperte e con molti giocatori che da li a poco avrebbero cambiato società.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy