Ancora emozioni al PalaDelMauro con la voce di Acone

acone
Alberto Maria Acone sarà nuovamente lo speaker della Scandone Avellino. Lo ha annunciato lui stesso con un breve post su Facebook ed ha gentilmente risposto a qualche nostra domanda.
Prima di tutto complimenti per il tuo impegno e grazie per le emozioni che ci regali ad ogni partita.
-Esagerato figurati.
Quando è cominciata questa tua avventura?

-Iniziata sette anni fa in una sera di fine luglio al compleanno di un amico, il fautore fu l’attuale direttore sportivo Gaetano De Paola.
Si cercava uno speaker e feci un paio di prove vocali. Il direttore me lo propose e da li iniziò quest’avventura.

Prima che un lavoro so che per te la Scandone è prima di tutto una passione. Qual’è il tuo ricordo più bello da grande tifoso quale sei?

-Interpreto l’attività di speaker come un lavoro anche se è solo una passione, come lavoro vero e proprio ritengo solo quello presso lo studio legale paterno. Il ricordo più bello è la vittoria della Coppa Italia a Bologna, ma anche l’Eurolega.

 Speriamo di tornare presto su questi palcoscenici. Quali sono le tue speranze e aspettative per questa nuova stagione che comincerà?

-Sicuramente una stagione più tranquilla rispetto allo scorso anno. In secundis mi rispecchio nelle parole di VITUCCI, Final Eight e PlayOff. Le aspettative sono quelle di vivere una stagione emozionante e ricca di vittorie.

 Tutti i tifosi ripongono molte speranze nel “sindaco”. E a proposito di tifosi, parlaci un po’ del tuo rapporto con gli OF.
-Gli OF sono la mia seconda famiglia. Sono orgoglioso di farne parte.
Ti ho già trattenuto troppo e ti lascio libero. Grazie per questa breve intervista. Vuoi lasciarci qualche ultimo commento?
-In bocca al lupo al vostro staff per questa nuova avventura giornalistica.
Grazie mille e speriamo che la tua voce possa regalarci quest’anno tantissime emozioni.
-Grazie sperrrrrrrrrrriamoooo.

Leggi anche

Formia – Avellino, le pagelle della sconfitta irpina: bene Riccio, rimandato Trapani

Costa 6+: una buona prova dal punto di vista del playmaking e dell’attitudine. Valutazione e plus …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.