Allarme bomba al “Partenio – Lombardi”: arrivano Carabinieri e Polizia

Avellino senza pace. Dopo i guai societari che stentano a trovare una soluzione, un altro problema

di Redazione Sport Avellino

Una squadra senza pace. Una società assente. Ora anche l’allarme bomba. Intorno alle ore 13:20 una segnalazione anonima ha allarmato il 112 per un presunto ordigno esplosivo all’interno del “Partenio-Lombardi”. Sono subito intervenuti i Carabinieri, gli Agenti della Sezione Volanti e la Digos di Avellino. Le forze dell’ordine hanno ispezionato l’intera struttura di Contrada Zoccolari e per fortuna, di quella chiamata anonima, nulla era vero. Solo un falso allarme. In quel momento, all’interno del campo sportivo avellinese, erano presenti solo alcuni dirigenti biancoverdi.
Nulla, nessun ordigno. Solo tanto allarme che si è risolto con un nulla di fatto.

I tifosi vogliono chiarezza: incontro al Partenio – Lombardi con Circelli


Avellino continua a non trovare pace. Con una società che, dopo nemmeno un mese e mezzo dal suo insediamento, non è riuscita a trovare la quadra con continui litigi tra i soci e una squadra che dall’ottavo posto in classifica prima dell’arrivo dei nuovi proprietari, si è ritrovata subito nelle zone pericolose della graduatoria. Il resto lo ha fatto una campagna acquisti per nulla convincente.
Chi si attendeva il sereno dopo la bufera De Cesare, è rimasto deluso. Anzi. I problemi si sono raddoppiati. Sono arrivate persino interrogazioni parlamentari che hanno acceso i riflettori su una cessione ritenuta troppo “frettolosa”. E poi la contestazione. Ora, stamane, l’allarme bomba. E chi ne ha più ne metta per un Avellino ormai dilaniato da lotte intestine tra i nuovi soci che tutto hanno fatto tranne che portare serenità.

Ultim’ora – La scelta dolorosa della Sud, il comunicato

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy