Scandone: lodi e campionato, quanto sta costando la stagione?

A rivelare dei dati è “Il Mattino”

di Redazione Sport Avellino

La Scandone Avellino in queste ore è impegnata a risolvere la questione relativa al lodo presentato da Maarten Leunen che blocca il mercato in entrata e che rischia di compromettere le firme col playmaker Gianluca Marchetti e con l’ala-centro Silvio Stanzani. La notizia arrivata ieri del lodo vinto anche da Jason Rich farà aumentare la spesa economica circa le spettanze da corrispondere agli ex atleti biancoverdi.

Nell’edizione odierna “Il Mattino” riporta alcune cifre che sin qui l’attuale dirigenza della Scandone avrebbe speso per tenere in piedi il progetto con la ripartenza dalla serie B. Ad inizio d’annata sportiva per pagare l’iscrizione all’attuale Lnp e far fronte ad altri debiti la cifra sarebbe di novantamila euro. A questi devono aggiungersi i costi di gestione e gli stipendi per un ammontare che sarebbe poco al di sotto dei centomila euro.

Il tutto senza conteggiare il pagamento che dovrà essere corrisposto a Rich o ad altri probabili lodi in arrivo.

Facendo due calcoli la domanda viene spontanea: era proprio necessario ripartire con questa situazione drammatica e non valutare l’ipotesi estiva della (tanto screditata) wild-card destinando così risorse al futuro della pallacanestro avellinese invece di saldare debiti procurati da persone che non hanno speso una sola parola di interesse per la Scandone da fine giugno ad oggi?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy