GIBA, parla Mario Boni: “Speriamo di ripartire col basket tra venti giorni”

Le parole del vicepresidente dell’Associazione Italiana giocatori di pallcanestro

di Redazione Sport Avellino

Il basket italiano ha registrato negli ultimi giorni la fuga verso le rispettive nazioni di diversi giocatori stranieri a causa dell’emergenza Coronavirus. La palla a spicchi italiana ha sospeso tutte le attività fino al 3 aprile 2020 per capire in quella data come pianificare il futuro. Un invito a restare uniti arriva dal vicepresidente della GIBA (associazione dei giocatori) Mario Boni parlando oggi a Il Corriere di Bologna: “I club stanno provando a spiegare ai giocatori che tor­nare in America, oltre che dif­ficilissimo perché ormai non si vola più, è meno sicuro che stare qui, dove se non altro la sanità è pubblica. La maggior parte l’ha capito, anche chi ha lasciato là i figli. La speranza è che si riprenda a far qualcosa tra 15­-20 giorni, a quel punto se qualcuno sarà andato via senza accordi ne risponderà sul piano contrattuale. Speriamo nel completamento della stagione, con qualun­que mezzo, anche modifican­do la formula, accorciando i playoff, giocando tre o quattro volte la settimana. So di società che invece chiedono la cancellazione, con congela­mento di retrocessioni e ver­detti vari, di solito sono quelle in maggiori difficoltà. Noi in­vece diciamo che va fatto qualunque tentativo possibile, e non ci tireremo indietro.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy