Granarolo Bologna – Sidigas Avellino, le pagelle dei biancoverdi (di Alfredo Bartoli)

Anosike 5,5: probabilmente è la sua prima insufficienza, ma la cosa conta relativamente. Per la prima volta sembra non al servizio della squadra, ma gioca più per i suoi numeri: i rimbalzi sono sempre in doppia cifra (10) ma le palle perse sono 5 così come i tiri tentati dal campo. Speriamo sia solo un’impressone dello scrivente.

Gaines 5,5: per l’ennesima volta in stagione gli comunicano l’orario sbagliato dell’incontro, o forse capisce male lui, chissà…un primo tempo orrido da 4 palle perse e 14 dal campo in 13 minuti (per non parlare della difesa) e un secondo tempo da leader vero, con canestri falli subiti e gestione dei propri ritmi. La palla dell’ultima azione poteva essere gestita meglio (arresto e tiro da 4 metri no?). Bontà sua, una partita intera la giocherà prima o poi.

Cadougan 5.5: mette anche il triplone sulla sirena, ma nei 7 minuti in campo la Virtus vince di 8. Ancora non pronto per partita di questa intensità.

Gioia ne.

Hanga 6,5: battezzato dall’arco anche dal custode dell’Unipol Arena, rischia di vincerla con tutto il resto. 13 punti (6/8 da 2) 5 rimbalzi e 2 assist. E’ l’unico che tiene a bada Ray e lo costringe a lasciare il parquet. Infine, ci sarebbero anche 4 recuperi, peccato che il quinto, quello più importante, resta una “deflected ball”.

Banks 5,5: all’inizio sembrava quello più in palla poi naufraga nelle sue percentuali e non vede mai Ray. La tripla dell’ultimo sorpasso la mette lui ma non basta.

Cavaliero 5,5: anche lui è portato a spasso da Ray, ma in attacco qualcosina fa (7 punti e 4 assist). Probabilmente, dovrebbe ritrovare un po’ della sua sfacciataggine.

Cortese 6: in 11 minuti non sfigura.

Trasolini 7: il migliore per distacco. Farà anche imbestialire Vitucci per un paio di difese (oggettivamente) rivedibili, ma è finalmente una presenza, soprattutto da numero “5”: 14 punti, 4 rimbalzi e 4 falli subiti. Se crede di più in sé stresso è fatta.

Severini ne.

Lechtaler ne: con Trasolini spesso usato vicino ad Harper le possibilità di impiego calano.

Harper 5: un “vorrei ma non posso” ambulante che corre sul parquet. 11 punti e 6 rimbalzi giocando in terza. Il problema è che nessuno gli vieta di mettere la quarta, la quinta e pure la sesta. Un mistero da psicanalisi.

Leggi anche

La Sandro Abate si tinge ancora di azzurro, altro calcettista convocato in Nazionale

La prossima settimana l’Italfutsal sarà impegnata con le qualificazioni per l’Europeo del 2022. Per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.