Scandone, la classifica fa paura: serve la svolta contro Sant’Antimo

Primo di due impegni casalinghi per i biancoverdi col dubbio Ondo Mengue

di Redazione Sport Avellino

Primo di due impegni casalinghi per la Scandone Avellino che domani pomeriggio (palla a due ore 18:00) affronterà  la Geko Psa Sant’Antimo nella ventitreesima giornata del girone D. La situazione è alquanto delicata per il gruppo biancoverde che alla luce delle ultime cinque sconfitte consecutive staziona al penultimo posto in classifica. Un dato che non fa dormire sogni tranquilli al gruppo allenato da coach Gianluca De Gennaro che è ben consapevole che di qui in avanti passi falsi non sono più ammessi, in particolar modo quando c’è da giocare dinanzi al pubblico di casa. Avellino recupera Andrea Bianco che in settimana è stato vittima di un colpo alla testa che lo ha portato ad osservare qualche giorno di riposo precauzionale ma il suo utilizzo non appare in dubbio. La guardia classe 2000 è chiamato a dare un contributo importante rispetto a a quanto offerto nell’ultima trasferta persa contro l’Adriatica Industriale Corato. Fondamentale sarà in questo caso come lo stesso staff tecnico biancoverde saprà gestire le rotazioni. La settimana di lavoro svolta in palestra ha contribuito a perfezionare i meccanismi favorendo così l’inserimento dei nuovi arrivi Marchetti, Stanzani e Dilas. Se il primo è apparso già in condizione dando certezze quando bisogna gestire i possessi allo scadere dei ventiquattro secondi, discorso diverso è da fare per i due lunghi. Dilas deve togliersi di dosso un pò di ruggine dovuta al poco spazio avuto a Forlì quest’anno mentre Stanzani deve limitare il numero delle palle perse (sette a Corato) e confermarsi come fattore sotto le plance dove nella sua prima apparizione in biancoverde ha collezionato dieci punti e sette rimbalzi. Resta da capire se ci sarà Bruno Ondo Mengue con l’ala ex Fabriano che oggi scenderà sul parquet con la Nazionale della Guinea Equatoriale impegnato nelle qualificazioni verso Afrobasket 2021. Sulla sponda napoletana non ci sarà Giovanni Gambarota mentre sarà arruolabile il colpo di mercato messo a segno dalla dirigenza che risponde al nome di Gennaro Sorrentino, play-guardia 1985 che con Sant’Antimo ha già giocato dal 2006 al 2008. Un elemento che conosce bene la categoria avendo giocato già con Napoli, Salerno e Cassino senza dimenticare le esperienza con Scafati e Fortitudo Bologna. Un appuntamento di cartello che la Scandone dovrà onorare con una vittoria tenendo d’occhio alle proprie spalle cosa farà Scauri, ultima della classe con quattro punti in meno rispetto ai lupi che sono ancora in attesa del verdetto relativo al match casalingo del 27 novembre disputato contro Corato, finito nel mirino della Procura Federale. Arbitri del match saranno i signori Roberti e Marcelli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy