Daspo, tensioni, minacce: per noi è #unapartitaqualsiasi

A Bari l’hanno caricata a pallettoni questa partita. Manco fosse una finale. Una gara da dentro o fuori. Sui social network i tifosi, dal campo i calciatori. Accuse a Comi e all’Avellino. Manco fosse colpa dei biancoverdi averli sconfitti sul campo, e con merito, nella gara di Coppa Italia in casa propria. E come se non bastasse, a condire il tutto, in settimana, sono arrivati anche i provvedimenti Daspo a carico di 7 tifosi irpini e 4 pugliesi. Scorie di una partita di Coppa Italia che domani, alle 18, si ripeterà. Un’altra sfida. Di campionato stavolta. Vale i tre punti. Saranno pesanti, se arriveranno, per l’Avellino che tornerà capolista alla pari del Frosinone, e per il Bari che potrà rivendicare il ko di Coppa Italia e agganciare i lupi a quota 15. Ma al di là di qualsiasi rivalità, si prevede un dispiegamento di forze dell’ordine senza precedenti, sarà una sfida da vivere tutta di un fiato. Dall’Irpinia e da ogni parte d’Italia partiranno 1100 tifosi biancoverdi. A Bari si annunciano, forse, 15mila presenze. I riflettori di Sky e di Mediaset si accenderanno sul San Nicola alle 18 in punto. Per il via di una sfida che a Bari vale la vita e ad Avellino una gara come tutte le altre. E che mette in palio il primato. L’Avellino e il Bari sono squadre diverse rispetto a quelle viste in Coppa Italia. L’Avellino resta una sorpresa. Il Bari, per quanto è costato nella costruzione della rosa, è una squadra che deve puntare in alto. Sugli spalti ognuno farà la sua parte. Avellino sarà rappresentato dai soliti indomiti mille e passa. Sarà una domenica di passione. Una domenica bestiale. Inseguendo il primato in una partita come le altre. Si, come le altre. Ci ha pensato Rastelli a caricare la squadra. E’ troppo presto per parlare di serie A, di sogno promozione. Troppo presto. Abbiamo imparato la lezione dopo la passata stagione. Ed è per questo che bisogna vivere alla giornata. Partita dopo partita. Passo dopo passo. Uno alla volta.

Leggi anche

Scandone che beffa! Rimonta e controrimonta: vince Salerno 85-79

Avellino sciupa un vantaggio a pochi secondi dalla fine, regalando la vittoria alla Virtus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.