Caserta va, l’Avellino va in affanno con la Juve Stabia. Galabinov salva la faccia

Un derby ricco di gol. Al “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia va in scena per la 35esima il derby campano tra Juve Stabia ed Avellino. Le due compagini non si fanno male e si spartiscono la posta in palio: un punto ciascuno. Tanto rammarico per le “Vespe” che si sono viste agguantare il vantaggio per due volte. Protagonista indiscusso del match del “Menti” è il capitano gialloblu Fabio Caserta autore di una doppietta. I padroni di casa partono con il piede spiegato sull’acceleratore. Bastano 100 secondi di gioco per passare in vantaggio. Doukara disegna una verticalizzazione perfetta per Caserta che freddo e con cinismo insacca la porta difesa da Seculin. L’Avellino non riesce ad abbozzare qualche sortita affidata al tandem d’attacco Castaldo-Biancolino (per il Pitone dopo la partita contro il Brescia una nuova partenza da titolare). Alla mezz’ora di gioco Rastelli richiama in panchina D’Angelo e rispolvera dal cilindro Eugenio Romulo Togni. Il brasiliano entra bene in partita, smista diverse palle importanti per i compagni di squadra. L’Avellino butta il cuore dentro. I lupi trovano il pareggio con l’ex di turno Castaldo. Termina il primo tempo con il risultato di parità. Nella ripresa le vespe si presentano ancora all’arrembaggio. Ci prova Caserta con una girata. Ma l’appuntamento al gol per il capitano gialloblu è solo rimandato. Al 74′ il numero dieci della Juve Stabia infila per la seconda volta Seculin, con un tiro dalla distanza. L’Avellino però non ci sta. Rastelli chiama a sè Andrey Galabinov richiamando in panca uno stanco Millesi. La carta bulgara si rivela essere una mossa vincente. Infatti l’ex Gubbio insacca. Arini disegna un gioiello per la testa del marcantonio biancoverde. Termina cosi il match del “Romeo Menti” sul risultato di 2-2. Un pareggio che porta l’Avellino a -2 dalla coda play off. Nel prossimo turno l’Avellino affronterà un crocevia importante. Sabato prossimo al Partenio-Lombardi arriverà il Crotone di mister Drago, vittorioso in questa turnata contro il Varese.

Leggi anche

Scandone, che batosta: Cassino domina e vince 61-94

Non ci poteva essere modo peggiore per concludere questo girone di andata: Cassino domina in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.