Il focus sul prossimo avversario: il Vicenza di Pasquale Marino

Si torna in campo. Nel prossimo turno, il quattordicesimo l’Avellino ospiterà il Vicenza. Squadra che viaggia sulle ali dell’entusiasmo dopo il successo rimediato contro la Pro Vercelli, nello scorso turno. I biancorossi di Pasquale Marino si presenteranno in Irpinia decisi a fare risultato, vorranno bissare il successo rimediato contro la truppa di Scazzola. Marino in Irpinia si presenterà con il suo 4-4-2. Per la sfida del Partenio-Lombardi, il tecnico siciliano può contare su tutta la squadra, fatta eccezioni per gli infortunati Tutino e Martitato, fermi ai box da un po di tempo. Tra i pali c’è l’imbarazzo della scelta. Il duo Bremec e Vigorito garantiscono all’ex tecnico del Pescara una sicurezza assoluta. Il calciomercato del Vicenza è stato molto influenzato dal ripescaggio tanto che la FIGC ha concesso alla squadra berica una proroga fino al 15 settembre, molti i colpi di mercato dei biancorossi che hanno permesso a mister Giovanni Lopez di avere a disposizione giocatori importanti. Il reparto difensivo è stato modificato di parecchio. Dal Catania è giunto Federico Moretti  1988, autore della doppietta vincente contro la Pro Vercelli nello scorso. Altro arrivo di rilevanza è l’ex Juve Stabia, Giuseppe Figliomeni classe 1987. Tra le file biancorosse c’è anche un vecchio pallino di Enzo de Vito. Lorenzo Laverone ex Sassuolo. Con la maglia nero verde vince il campionato di Serie B e conquista la Serie A, alla guida dello scanno emiliano c’era Eusebio di Francesco. Con il club varesino sigla un biennale. In mediana largo ad Antonio Cinelli, con trascorsi tra Pavia e Sassuolo. Sulle ali largo a Davide di Gennaro, giunto in prestito dal Palermo, nel suo passato anche diverse presenze con la maglia del Milan. Estro e velocità con Ignacio Lores di Montevideo classe 1991. Sono circa tre i milioni che il Palermo ha versato nelle casse del Defensor Sporting per avere in rosa Ignacio Lores. Non pochi per un giocatore che non era titolare fisso nel suo club di appartenenza. Appena dieci presenze in due anni: le prime cinque nel Clausura 2010, e le altre cinque nel Clausura 2011. Un giocatore che con il tecnico Iachini ha trovato poco spazio, da qui la decisione del prestito al Vicenza. Reparto offensivo, fatta eccezione di Tutino che è sulla via del ritorno ci sono diverse frecce importanti. Il primo è Antonio Ragusa, che con i suoi tre gol è il capocannoiere della squadra. Dietro di lui stacco ad una lunghezza Andrea Cocco. Ancora zero gol per la bandiera Stefano Giacomelli, che ha accumulato uno score di cinque presenze per un totale di 308 minuti giocati. Contro l’Avellino sarà davvero dura, nonostante la truppa di Massimo Rastelli sia in piena emergenza.

Leggi anche

Scandone, che batosta: Cassino domina e vince 61-94

Non ci poteva essere modo peggiore per concludere questo girone di andata: Cassino domina in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.