Rastelli: “E’ il momento più difficile da quando alleno l’Avellino, le aspettative sono cambiate”

“Siamo noi i responsabili e il primo sono io che mette i giocatori in campo. I ragazzi hanno dato tutto quello che potevano dare. – Non si tira indietro dal prendersi le accuse della sconfitta mister Rastelli che aggiunge – Come capita in questi momenti difficili, tutto ci va storto. Sono quattro partite in cui non vinciamo e non facciamo reti. Facciamo fatiche nel vincere le partite . Gli avversari vengono qui, si chiudono e ripartono. Concedi delle ripartenze e vieni punito in alcune circostanze.”

Filkor – Soumarè: “Filkor ha giocato un’ottima gara contro l’Entella; ha la gamba e il tiro da  fuori per impensierire l’avversario. Soumarè spacca le gare se gioca mezz’ora nel secondo tempo. Abbiamo dominato nella ripresa ma abbiamo preso goal su unico tiro del Crotone nella ripresa. E’ il momento più difficile da quando faccio l’allenatore dell’Avellino.”

Scelte: “Conosco tutti i giocatori e voglio recuperarli tutti in una condizione in cui non siamo competitivi. Vedo quello che mi danno in allenamento e nelle gare che sono in verità dei test per loro. Se giocano è perché credo possono  darmi qualcosa in più in quella partita. In altri momenti li avremmo vinta credano più o meno di oggi. Bisogna accettare verdetto del campo ed essere consapevoli del momento”.

Zito: “Ho messo Zito per dare più aiuto agli attaccanti, servirli di più anche senza palla ma preparare la gara in  un solo giorno non era difficile. Contro il 4-3-3 abbiamo già giocato in passato. Filkor sa giocare benissimo tra le linee ma è stato servito poco e con molta lentezza. Il movimento di Kone andava fatto anche per allargare la linea media avversaria.”

Obiettivo playoff: “La parola playoff nessuno mai l’ha nominata. Dobbiamo migliorare la posizione dell’anno scorso. Se facciamo sessanta punti ed arrivi dodicesimo, il verdetto non cambia. Se mi danno il sestultimo posto sono contento ugualmente.”

Situazione infortuni: “Gli infortuni che abbiamo avuto sono gravi. Abbiamo disomogeneità di condizione e stanno andando anche oltre. In questo momento hai avuto delle assenze pesanti. Non avere al top Schiavon o Vergara o out Bittante e Visconti per l’intera girone d’andata, non mi semplifica il lavoro.”

Aspettative cambiate: “L’anno scorso da neopromossa era diverso scendere in campo. Sono cambiate le aspettative dal punto psicologico sia nostri che degli avversari. Se pareggi oggi contro l’Entella la gente ti critica; se l’anno scorso pareggiavi due gare in casa i commenti erano positivi”.

Leggi anche

Scandone che beffa! Rimonta e controrimonta: vince Salerno 85-79

Avellino sciupa un vantaggio a pochi secondi dalla fine, regalando la vittoria alla Virtus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.