Sfatare il tabù trasferta per continuare il sogno. Catanzaro ultima vittoria esterna.

E’ l’occasione più ghiotta per mettere fine al tabù trasferta.

E’ una grande occasione per mettere a tacere gli scettici.

Il Cittadella non è un avversario imbattibile. In casa ha già perso.

Il Tombolato è già stato violato una volta.

Il lupo è un animale d’assalto. Lo dovrà essere anche l’armata di Rastelli questa sera.

Perché se in casa l’Avellino rasenta le perfezione, fuori cambia volto.

Più timido, più impacciato, più in difficoltà. Vivo, come sempre, ma in crisi di risultati.

Tante le occasioni sprecate in quest’avvio di stagione.

Basti pensare a Latina e Pescara, ove la vittoria non sarebbe stato un risultato immeritato.

Basti pensare ai furti di Siena. Basti pensare ai secondi 45 minuti di Lanciano.

Con i “se” e con i “ma” non si conquistano punti però.

Ciò che conta sono i numeri.

Analizzando i dati, la vittoria in trasferta dell’Avellino manca da troppo tempo.

Bisogna tornare allo scorso campionato. A quel fatidico e indimenticabile 5 Maggio.

Zigoni realizzava il goal che valeva la promozione.

Catanzaro è ancora negli occhi di tutti i tifosi.

Ma il Ceravolo è anche l’ultimo stadio ospite in cui il lupo è uscito vittorioso.

L’Avellino non ha più espugnato nessun campo.

Pareggio in Supercoppa di Lega Pro 2-2 sul campo del Trapani.

Poi l’esordio in B.

E delle 4 trasferte finora disputate solo due pari. L’1-1 di Latina e Pescara. 

E due sconfitte. L’1-0 di Lanciano e il  3-0 di Siena.

Numeri che non rendono onore alla classifica generale.

Numeri che sono un campanello d’allarme.

Perché sarà molto difficile  vincere sempre in  casa.

E quando non si faranno punti al Partenio, diventerà obbligatorio strapparne fuori.

L’Avellino ha gli uomini e i numeri per salvarsi.

L’allenatore è bravo e meticoloso. Sa come affrontare ogni avversario.

La squadra lo segue. La dirigenza è attenta e preparata.

Con la giusta continuità sognare non sarà utopia.

Perchè nessuno ostacolo è insormontabile.

Il Cittadella è solo uno dei tanti.

Vincere sarà difficile.

Ma non impossibile.

Sbraniamoli.

Leggi anche

Salerno – Avellino, le pagelle: one man show di Riccio

Le pagelle della cocente sconfitta avellinese sul campo di Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.