Calcio Avellino – L’ex Sasà Marra: “Dicembre sarà decisivo per svoltare la stagione”

L’ex giocatore ed allenatore dei lupi analizza il momento vissuto dalla formazione biancoverde

di Redazione Sport Avellino

Uno dei giocatori che ha fatto la storia del calcio ad Avellino ricordato per quel goal a Crotone che nel 2003 valse la promozione in serie B sotto la gestione di Vullo. Sasà Marra, oggi allenatore del Castrovillari ed in passato giù guida tecnica dei biancoverdi, ha analizzato sulle frequenze di Radio Punto Nuovo il momento che sta vivendo la formazione di Archimede Graziani nel campionato di serie D sottolineando le insidie di un simile torneo: “Quando si allena una piazza ambiziosa come Avellino la fretta di voler vedere in fretta i risultati può giocare a sfavore in termini di pressione. Servono giocatori adatti a questo tipo di situazione: è normale che partendo in ritardo si può incombere in tale situazione. Ricorda un pò quello che è successo quando presi in mano la squadra da dicembre (2009 ndr) in poi.  Penso che il cammino sia ancora lunga in serie D perchè dopo il mercato di dicembre inizia una nuova fase. Bisogna considerare diverse situazioni tra chi si rafforza e chi tende a indebolirsi. Quando ti chiami Avellino devi essere bravo ad isolarti dalle situazioni negative e provare sempre a fare il massimo di punti.”

Marra è fiducioso nel progetto della Sidigas in materia calcistica: “De Cesare ha fatto bene col basket ed il modello che ha impostato con la Scandone lo può riproporre nel calcio. In questo momento “di difficoltà” c’è la sensazione di equilibrio e di restare concentrati. E’ normale che fa un effetto strano vedere che in classifica sia preceduto da nomi di squadra cui i tifosi non eravamo abituati a leggere fino allo scorso anno.”

Tra pochi giorni prenderà il via il mercato dei Dilettanti. Il Diesse dei lupi Carlo Musa è chiamato a rinforzare una rosa in cui alcuni giocatori under non hanno del tutto convinto:”Sul discorso degli under bisogna andarci cauti: tanti elementi che fanno la differenza in alcune piazze poi faticano salendo di livello. Sei convinto di aver preso un elemento buono e poi non è così. La testa dei giocatori fa la differenza oltre ai piedi buoni e al fisico.

Infine un messaggio di pazienza agli indimenticati supporters biancoverdi: “I tifosi dell’Avellino hanno portato già tanta pazienza: non è facile ripartire dalla serie D ma devo essere sincero perché non fanno mancare mai il loro apporto e dico loro di guardare con fiducia a questa società. Purtroppo quando parti in ritardo devi lasciare per strada qualche punto. Credo che l’Avellino ce la possa fare.”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy