US AVELLINO

Turris-Avellino 0-2, le pagelle: Silvestri decisivo, acuto di Maniero

L’Avellino sbanca il Liguori di Torre del Greco e conferma il terzo posto in classifica. Prova davvero convincente dei lupi che non concedono praticamente nulla agli avversari piegati con un gol per tempo.

Forte 6,5: poco impegnato nella prima frazione, risponde con 2-3 interventi in uscita perfetti per tempismo ed efficacia. Poco lavoro anche nella ripresa, sbrigato con la solita sicurezza. Altro clean sheat portato a casa.

L. Silvestri 7: riportato sul centrodestra, ritrova finalmente la solidità difensiva mostrata ad inizio torneo. Sempre attento e deciso, trova il gol con un terzo tempo impeccabile che regala i tre punti ai lupi. Secondo centro stagionale per l’ex Potenza.

Miceli 6,5: l’attacco della Turris si fa vivo solo in poche circostanze, nelle quali la retroguardia biancoverde si fa sempre trovare pronta. Compreso il capitano, che beneficia dell’ottima prova dei due braccetti e si fa valere in avvio di ripresa con una buona lettura.

Illanes 7: è arrivato da meno di due settimane, ma per Braglia è già insostituibile. Sul centro-sinistra è ancora più a suo agio, risultando determinante per la tenuta difensiva dei lupi e per l’atteggiamento complessivo della squadra. Le sue qualità si sposano bene con la maglia che indossa.

Ciancio 6: non ruba mai l’occhio in fase offensiva, ma occupa il suo posto sulla fascia con la consueta disciplina. Contribuisce così agli equilibri tattici della squadra, per la gioia di mister Braglia.

Carriero 7: ha lo spirito giusto e lo dimostra già al 3’, quando con un bel tiro cross per poco non beffa Abagnale. Regala dinamismo alla linea mediana, costringendo al giallo Di Nunzio e dando filo da torcere ai corallini con la sua tempra.

(dal 88’ Rizzo: pochi minuti per il terzino ex Palermo).

Aloi 6,5: ancora da regista, in attesa del pieno recupero di De Francesco. Lavora bene in interdizione, non smista molti palloni ma è sempre presente in mezzo al campo. Trova l’assist forte e teso per la testa di Silvestri, incidendo sensibilmente sul punteggio.

(dal 78’ De Francesco s.v: rivede il campo dopo l’infortunio patito a Francavilla).

D’Angelo 6,5: il centrocampista scuola Palermo gioca comunque una gara di buon livello, con la solita sostanza. Concede a Maniero la possibilità di calciare il rigore, mettendo la squadra al di sopra dell’io, da vero professionista. Sfiora il tris nel finale.

Tito 6,5: pimpante già in avvio, trova due conclusioni nel giro di 10’. Centra poi in pieno la traversa su punizione, con il pallone che forse oltrepassa la linea, dando una prova ulteriore della sua qualità. Giocatore imprescindibile per le manovre offensive dei lupi.

(dal 78’ Baraye s.v: altri minuti preziosi per recuperare il ritmo partita).

Maniero 6,5: Braglia lo pungola, lui risponde presente. Prima offrendo una prova generosa, sacrificandosi per la squadra nel suo momento meno brillante, poi incidendo con una doppia giocata da bomber. Si procura il rigore e lo trasforma, con forza e decisione. Che sia la rinascita.

(dal 78’ Bernardotto s.v.: entra per far rifiatare Maniero).

Fella 6: svaria sul fronte d’attacco, ma a conti fatti si vede poco. Nella ripresa ha il pallone per fare male, ma è poco cinico nei pressi della porta difesa da Abagnale. Prova sufficiente, ma da uno come lui ci si aspetta sicuramente di più.

(dal 71’ Santaniello 6: contribuisce a gestire il risultato nel finale).

 

Articoli correlati

Back to top button