Sidigas Avellino, Nenad Vucinic: “Mi aspettavo di essere più in alto a fine girone di andata, ma per come si erano messe le cose sono contento”

Sidigas Avellino, Nenad Vucinic: “Mi aspettavo di essere più in alto a fine girone di andata, ma per come si erano messe le cose sono contento”

Le parole di coach Nenad Vucinic che presenta la gara con Pistoia

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

Ultima gara del girone di andata per la Scandone Avellino. Una Sidigas che chiude un girone lunghissimo, fatto di tanti problemi, difficoltà e ostacoli, in maniera straordinaria con la possibilità di poter chiudere addirittura al secondo posto. C’è da affrontare Pistoia domenica al PalaDelMauro prima di tirare le prime somme della stagione e la gara non va sottovalutata e affrontata come le ultime 6 dopo Trieste.

E’ questo il monito di coach Vucinic che così presenta la gara con Pistoia: “Ogni partita in Serie A è difficile. Pistoia è una squadra che deve tirarsi fuori da una classifica difficile e la scorsa settimana ha fatto un bel lavoro contro Varese. Noi però ci focalizziamo su noi stessi, veniamo da un bel successo sull’Anwil in Champions ma ora ci sarà un tour de force con 9 partite in un mese e dobbiamo arrivare pronti e determinati agli appuntamenti. Siamo in una situazione simile di due mesi fa, quando venivamo da alcuni successi, ma adesso le rotazioni sono un pò ridotte e ci sono molte più difficoltà. Il mio lavoro principale è quello di preservare la squadra in questo periodo, gestire i minutaggi dei ragazzi con la speranza di recuperare qualche infortunato. Devo cercare di non sfruttare troppo i giocatori che abbiamo a disposizione. Per quanto riguarda un innesto di qualche giocatore stiamo preparando un piano per inserire un elemento se tutto va come deve andare. Inoltre stiamo aspettando notizie su Costello e Ndaye  con quest’ultimo sulla via del recupero. Siamo una squadra compatta, stiamo avendo molte difficoltà ma le stiamo superando insieme, e questo mi riempie d’orgoglio. I giocatori stanno facendo un grande lavoro per ottenere una chimica di squadra importante e anche se abbiamo alcuni alti e bassi sono soddisfatto di quanto fatto. Costello? Non so nulla su trattative con altre squadre, io quello che so è che ci sono opinioni differenti tra i medici italiani e quelli americani e ancora non sappiamo quando potremmo riabbracciarlo. Un bilancio alla fine del girone di andata? Mi aspettavo di essere più in alto di dove siamo ora, ma analizzando quanto accaduto, infortuni e quant’altro, va bene così, visto che siamo secondi in Champions e terzi in campionato con la possibilità di chiudere secondi. Le Final Eight? Sono importanti, sono un appuntamento che non vogliamo fallire ma ci penseremo tra un mese. Mancano ancora diverse partite da affrontare e il mio obiettivo è non perdere giocatori per Firenze, anzi se riusciremo ad inserire qualcun altro ben venga. Avremo Ndiaye e spero un nuovo giocatore, ma ci vorrà tempo per inserirli in gruppo. Ho fiducia nella panchina e lavorerò ruotando tutti insieme”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy