Avellino Basket, Sacripanti: “Pistoia squadra fisica da non sottovalutare. Fesenko va valutato”

Gara importante quella di domenica per la Sidigas Avellino, che deve archiviare la delusione europea e si proietta sulle Final 8 di coppa Italia, di settimana prossima. Ma prima, c’è da battere la The Flexx Pistoia di coach Esposito, che domenica alle 18.15 farà visita al PaladelMauro per rimanere al comando della classifica.

Lo sa bene coach Sacripanti che in sala stampa, ha commentato la sfida contro i toscani e analizzato il passo falso europeo della Sidigas.

Queste le parole del coach canturino: “Dobbiamo pensare a gara dopo gara, ma stavolta anche a quella che verrà dopo, cioè le Final 8. Domenica avrò bisogno dell’apporto di tutti. Pistoia è una squadra fisica e atletica, con Diawara e Ivanov che potranno essere armi importanti e dobbiamo fare attenzione al rimbalzo, visto che noi lo soffriamo e loro sono primi in Serie A su questo fondamentale. Chiederò ai ragazzi di approcciare la gara con un approccio positivo. La vittoria è importante perchè vogliamo restare in testa e controllare il ritorno di squadre come Bologna, la stessa Sassari ed altre”. 

Sacripanti continua ancora: “Ognuno deve dare il proprio apporto, come fatto da D’Ercole, Fesenko, Zerini nell’ultima, lo stesso Scrubb in altre partite. Ognuno deve dare il proprio apporto. In questo momento, quando manca un giocatore, è un problema. Ad esempio, quando manca Fesenko, dobbiamo spostare qualche elemento, e qualche volta ci crea problemi, e dobbiamo lavorare per questo. Zerini uscito mercoledì per un risentimento muscolare, per questo ultimi minuti era fuori. Fesenko ha avuto un riacutizzarsi del problema al ginocchio, martedì, e ci ha colto un pò di sorpresa. Vediamo come gestirlo in questi giorni per averlo giovedì al meglio. Rifarà una risonanza a breve, per vedere se è un problema diverso o se è un riacutizzarsi del problema”. 

Sacripanti poi parla dell’eliminazione in Champions: “Ovviamente siamo dispiaciuti. Non è girato nulla per il verso giusto. Purtroppo sul 68-60 abbiamo avuto problemi, qualcosa si è rotto, e farò un’osservazione maggiore alla squadra e capiremo il da farsi. Ora c’è l’Europe Cup che onoreremo. Non è facile diventare primi, ma è ancora più difficile poi rimanerci”. 

 

Check Also

Sandro Abate a Mantova senza Douglas Nicolodi ma ritrova Marco Ercolessi

Ultima seduta di lavoro settimanale per la Sandro Abate Avellino che in mattinata, rifinirà la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.