BASKETNEWSSCANDONE

La Scandone caccia finalmente gli attributi, rimonta Roma e vince 70-67

Torna a vincere Avellino, battendo in casa la Luiss Roma

Doveva arrivare prima o poi ed è arrivata: la Scandone Avellino torna a vincere e interrompe la striscia di sei sconfitte consecutive. Lo fa nella maniera più pazza possibile, concludendo il primo tempo in svantaggio e rimontando nel secondo. Nel terzo quarto i lupi sono autori del miglior basket della stagione, recuperando palloni su palloni e costringendo Roma a soli 6 punti segnati. Tra tutti brilla la prova di Mazzarese, eccelso in difesa. Positivi anche Marra e Ani, con quest’ultimo che conclude con una doppia doppia da 12 punti e 13 rimbalzi. Bisogna però mettere dei giusti freni agli entusiasmi, Avellino è aritmeticamente ultima nel proprio girone a soli 4 punti. Che la prova di oggi, finalmente di carattere, possa dare quel poco di fiducia in più per agguantare la salvezza nella seconda fase. Prossimo appuntamento domenica alle 18:00 al PalaDelMauro contro Salerno. 

Primo tempo

I biancoverdi partono con i soliti Costa, Marra, Sousa, Brunetti e la novità Mazzarese. Dopo un paio di tentativi falliti, Marra e Sanna rompono il ghiaccio per le rispettive squadre. La partita procede in maniera fisica, con tanti falli e pochi canestri. Tredici sblocca la situazione, aprendo con una tripla un break di 7-0 che costringe De Gennaro a chiamare timeout. Si ripete il solito problema avellinese dei rimbalzi, che consente alla Luiss di chiudere il primo quarto in vantaggio per 21 a 12.

La partita continua sul piano fisico, con tanti falli commessi dalla Luiss che riescono a limitare la fluidità dell’attacco della Scandone. Roma comincia a scavare il solco, toccando il +15 frutto di rimbalzi offensivi e transizione. Avellino si aggrappa a Sousa, che con 6 punti consecutivi concede un po’ di ossigeno alla squadra. Il secondo quarto si conclude quindi con lo stesso svantaggio del primo (29-38). Interessanti le statistiche, che vedono la coppia Marra-Sousa aver segnato 24 punti sui 29 totali di squadra.

Secondo tempo

Brunetti suona la carica con 4 punti e una palla recuperata in un minuto, riportando Avellino a due possessi di distanza. Mazzarese ritorna in versione “Lupin”, rubando due palloni e lanciando Marra in contropiede a subire fallo antisportivo. Roma perde 5 palle in 5 minuti: dopo una maglia in “ball handling” di Costa arriva finalmente il pareggio di Marra (39-39 al 26′). Ogni possesso della Luiss diventa una palla persa o deviata, con un aggressività francamente mai vista da parte dei giocatori avellinesi. Il sorpasso arriva dalle mani di Mazzarese, mentre Riccio tenta addirittura l’allungo con una tripla (46-40 al 28′). Roma è tenuta a soli 6 punti segnati in tutto il quarto, Avellino conclude la penultima frazione di gioco avanti per 49 a 44.

Nel quarto quarto continua il buon momento dei biancoverdi, che arrivano alla doppia cifra di vantaggio grazie ai primi punti in casacca avellinese di Trapani e ad un paio di azioni di Ani. Roma comincia però a segnare con continuità, trovando con Pasqualin la tripla che vale il -5 a due minuti dalla fine. Infante subisce fallo da Sousa e accorcia a soli 3 punti lo svantaggio, ma la tripla del possibile pareggio di Pasqualin si infrange sul ferro a 15 secondi dalla fine. Avellino torna finalmente a vincere con il punteggio di 70 a 67.

Scandone Avellino: Costa 3, Sousa 16, Marra 18, Brunetti 6, Riccio 5, Trapani 5, Mazzarese 5, Mraovic, Ani 12, Marzaioli  all. De Gennaro

Luiss Roma: Bonaccorso 9, Sanna 13, Murri 3, Pasqualin 13, Infante 13, Tredici 14, Gellera 2, Fiorucci, Di Francesco  all. Paccariè

 

 

Articoli correlati

Back to top button