I lupi ci provano, Rossetti sugli scudi e buona prestazione in attacco

In ogni match si deve considerare da che settimana arriva la squadra e l’Avellino nella prima stagionale ci arriva tra cerotti, transfer ancora non arrivati e giocatori catapultati da poco nel mondo biancoverde. La prestazione di Pagani serve a dare all’ambiente quella sensazione di normalità che mancava dopo un’estate terribile.

In campo i biancoverdi hanno cercato di seguire i dettami di mister Ignoffo che aveva annunciato alla vigilia di aver cercato in questi pochi giorni a disposizione di tracciare una strada da seguire.

Buona prestazione nel complesso con un nome su tutti, quello di Matteo Rossetti che con corsa, forza fisica e tecnica ha dato vitalità al centrocampo ben gestito da Di Paolantonio leader del centrocampo irpino. Dalle giocate del ragazzo scuola Torino l’Avellino ha realizzato i gol di Alfageme e Celjak. Buona la prestazione della retroguardia irpina che ha perso smalto e lucidità a causa della forma fisica. Parisi non ha demeritato in fase di spinta come sempre ma qualche disattenzione in fase difensiva sono costate care all’Avellino.

La differenza si è notata con Petrucci che ha messo poco spinta e quando è stato sostituito da Celjak che ha dimostrato più visione di gioco e personalità. Buone le prestazioni di Zullo e Laezza che hanno bisogno di una condizione fisica migliore supportati dal leader indiscusso della difesa capitan Morero. Da rivedere Palmisano, mentre ottimo spirito di sacrificio per Alfageme e Albadoro che si sono mossi tanto in attacco e hanno dimostrato di poter dare tanto all’attacco biancoverde. Da segnalare anche l’ingresso di Micovski che in poche giocate ha dimostrato di poter dare tanto alla causa biancoverde.

Leggi anche

Mercato, Monopoli ecco Isacco. Il Teramo lavora a uno scambio

La S.S. Monopoli 1966 comunica di aver raggiunto un accordo con la Fermana F.C., per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.