INTERVISTE

Festa: “D’Agostino è il primo tifoso, ricordo il suo volto dopo il pareggio. Rastelli è una garanzia”

Le parole del primo cittadino avellinese

Il sindaco della città di Avellino Gianluca Festa, ospite ai microfoni di Sport Channel 214, ha commentato questo periodo complicato della squadra biancoverde partendo però parlando del rammarico del presidente Angelo D’Agostino dopo il pareggio casalingo maturato contro il Cerignola.

“Io ricordo il volto di D’Agostino dopo il pareggio di sabato. È il primo tifoso, lui ci ha creduto per primo in tempi non sospetti. Io ricordo dove eravamo, abbiamo avuto la fortuna di trovare un imprenditore locale. Al di là dei risultati è una garanzia. È un uomo dalle mille risorse, non immagino voglia mollare ma la corda non va tirata troppa. Fare la Serie C vuol dire rimetterci migliaia di euro, se non milioni. 

Su De Vito: “Ha scelto un direttore sportivo dalle grandi potenzialità che ha allestito una grande squadra in prospettiva”.

Sull’esonero dell’allenatore: “La mancanza di gioco si è notata. Taurino ne ha pagato le conseguenze e già sabato si è interloquito in tribuna di questo. Non si deve cambiare purché si cambi. Non Gautieri bis. Senza voler passare per commissario tecnico imputo la mancanza di gioco. Devo dire che da questo punto di vista non abbiamo mai brillato, non si è mai avuta l’impressione che questa squadra giocasse a calcio. Alla fine 8 punti in 8 giornate hanno testimoniato che qualcosa non andasse. Un esonero non si fa mai a cuor leggero e a caldo. La squadra ora non ha più alibi”.

Sul possibile ritorno di Massimo Rastelli: “Nome suggestivo e di assoluta qualità. Evidentemente si sta individuando un nome, un allenatore con cui condividere un progetto ambizioso al di là di questa stagione. Ci deve essere condivisione anche del mister. Rastelli rappresenta una garanzia, ma deve essere consapevole del contesto in cui arriva, del progetto. Sarebbe il nome migliore di quelli che potrebbero arrivare“.

Sugli obiettivi: ” Possiamo raggiungere i play-off, con la chimica giusta vedremo cosa può succedere”.

Sul nuovo stadio: “Dobbiamo farlo. Fa tristezza vedere il Partenio sempre più ridotto. Abbiamo una proposta che deve ricevere tutti i pareri e rispettare tutte le norme. Stiamo attendendo gli ultimi pareri sui parcheggi. Poi la giunta approva la proposta, affinché il consiglio comunale possa discutere e accettare per consentire a Zavanella di redigere il definitivo sul quale immagino sta già lavorando. Auspico di ultimare l’iter entro la fine di questa stagione. Poi giocheremo un anno fuori”.

Su Biancolino: “Mi aspetto una squadra a trazione anteriore. Biancolino ha nell’indole l’attaccare. Non si sa quante partite farà, vorrà vincere e lasciare traccia. Mi aspetto un discorso motivazionale da parte sua, responsabilizzando in maniera giusta ogni calciatore”.

Articoli correlati

Back to top button